facebook twitter rss

Quasi 160.00 euro per abbattere
le barriere architettoniche
negli edifici privati

FERMO - Ad oggi i fondi erogati al Comune coprono già più dei due terzi della somma complessiva. I commenti del sindaco Calcinaro e dell'assessore Nunzi
Print Friendly, PDF & Email

Attraverso un decreto ministeriale, alla Regione Marche sono stati assegnati per le annualità 2018-2019-2020 fondi per l’eliminazione ed il superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati: al Comune di Fermo, nello specifico, per le tre annualità l’importo spettante riconosciuto è di complessivi 158.474,61 euro. Ad oggi i fondi erogati al Comune di Fermo coprono già più dei due terzi della somma complessiva.

I fondi sono previsti dalla legge n. 13 del 1989 per favorire il superamento e l’abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici privati già esistenti, per garantire una maggiore accessibilità, fruibilità e vivibilità degli spazi edificati a coloro che soffrono di una ridotta o impedita capacità motoria, attraverso la concessione di contributi.

“Grazie anche alla Regione siamo riusciti a sbloccare, come Comune di Fermo, contributi che venivano attesi da anni da oltre 50 famiglie fermane, con fondi per più di 150 mila euro, che vanno a sbloccare situazioni private di difficoltà legate a disabilità motorie. Un fatto importante e atteso veramente da tempo da molti fermani” – ha detto il sindaco Paolo Calcinaro.

“Sono particolarmente soddisfatto dell’attività svolta dal mio Settore – ha affermato l’assessore all’urbanistica Francesco Nunzi – che, grazie ai finanziamenti erogati dalla Regione Marche per la realizzazione di opere ed impianti destinati al superamento delle barriere architettoniche, è stato in grado di poter dare già una risposta alle richieste avanzate da portatori di invalidità totale da tempo giacenti presso il nostro Comune. Il contributo erogato per l’anno in corso sarà ancora in grado di soddisfare anche le richieste dei cittadini con invalidità parziale. Contiamo, grazie alla Regione, di poter proseguire su questa strada”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X