facebook twitter rss

Martinelli all’attacco: “Cimitero nel degrado, l’Amministrazione vuole intervenire?”

SANT'ELPIDIO A MARE - Il capogruppo di Unione civica chiede un regolamento su inumazioni e concessione di loculi e denuncia "uno stato di abbandono sotto gli occhi di tutti"
Print Friendly, PDF & Email

Giovanni Martinelli

“Il degrado del cimitero capoluogo è sotto gli occhi di tutti. Chiedo se e come si intenda intervenire”. E’ la richiesta, formulata in un’interrogazione al sindaco di Sant’Elpidio a Mare Alessio Terrenzi, da parte del consigliere di Unione civica Giovanni Martinelli. Una situazione relativa all’ala vecchia della struttura, che non riguarda solo interventi di manutenzione, ma anche la gestione dei loculi e l’attività di inumazione.

“Gli interventi di pulizia, soprattutto sul taglio dell’erba spontanea, sono episodici – nota Martinelli – La maggior parte delle tumulazioni a terra sono in stato di abbandono, crescono i loculi vuoti senza assegnazione. Chiedo se l’Amministrazione sia cosciente di questo stato di degrado e di conseguenza quali siano i progetti di intervento”. L’ex primo cittadino chiede anche se ci sia intenzione di adottare un regolamento sull’inumazione conseguente ad estumulazione, finalizzato al riutilizzo dei loculi. “Chiedo all’Amministrazione se ritenga di dover adottare un regolamento che obblighi il richiedente a mantenere curata l’area della sepoltura, ad una recinzione e ad una dignitosa pietra tombale, evitando così il semplice appoggio della lapide del loculo estumulato, come avviene invece attualmente. Da anni si hanno richieste crescenti senza risposta, chiedo se ci sia l’intenzione di emanare un regolamento che disciplini la concessione dei loculi”.

Per finire, si caldeggia una sistemazione della strada d’accesso all’ingresso del cimitero da piazzale Bocci. “Mi auguro venga sistemata, chiedo quando e come sarà fatto – continua il consigliere di minoranza – sia per quanto riguarda il selciato, ridotto ormai ad un percorso da cross, sia per le piante irregolari che lo ostacolano”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti