facebook twitter rss

Rinnovato il tradizionale
appuntamento con la
Pasqua del Calcio fermano

SPORT & RELIGIONE - Si è celebrato, per la sesta edizione, il momento di raccoglimento e preghiera collocato all'interno della Settimana Santa predisposto per i tesserati della Figc di Fermo
Print Friendly, PDF & Email

Il Girfalco gremito di istituzioni calcistiche federali e da tanti tesserati (dirigenti e sportivi) afferenti alla delegazione provinciale di Fermo della Federazione Italiana Giuoco Calcio

 

di Paolo Gaudenzi

FERMO – Un appuntamento ormai consolidato nella tradizione, giunto alla sesta edizione (riprendendo dopo due anni di sospensione a causa delle problematiche legate al recente sisma).

Come ogni anno da oltre un lustro, dunque, la Federazione Italiana Giuoco Calcio, incarnata dalle figure istituzionali della provincia di Fermo con in testa il delegato, professor Giuseppe Malaspina, si è rifatta promotrice della “Pasqua del Calcio Fermano“: un momento di raccoglimento e preghiera che, come tipico, prevede l’ammassamento di dirigenti e sportivi in piazza del Popolo prima dell’ascesa sul colle del Duomo, per la Santa Messa delle 19.00.

Quadri dirigenziali e calciatori, con questi divisi per ambiti d’età, hanno così colorato il cuore di Fermo a partire dalle 18.00 di ieri. I teneri campioncini in erba afferenti alle scuole calcio (Piccoli Amici, Primi Calci e Pulcini) uniti ai colleghi più esperti dei settori giovanili (categorie Esordienti, Giovanissimi, Allievi e Juniores) operanti in provincia, accompagnati da genitori, tecnici e figure apicali dei rispettivi sodalizi si sono poi posizionati sui banchi del Girfalco per la funzione religiosa celebrata da Monsignor Rocco Pennacchio. 

Piena la soddisfazione di Malaspina, che prima di lasciare spazio alla celebrazione del rito liturgico al clericale, ha ricordato dal pulpito come, quella calcistica, sia l’aggregazione provinciale sportiva più numerosa con gli oltre 2600 tesserati a somma tra vivai e dilettanti over, per un movimento che oggi coinvolge anche numerosi ragazzi stranieri.

Durante l’omelia Monsignor Pennacchio, soddisfatto della nutrita partecipazione, ha paragonato la passione, morte e resurrezione di Gesù alla  passione che ogni calciatore è chiamato a mettere nell’ impegno durante gli allenamenti, nella “morte” considerata sacrificio verso i compagni di squadra e nella resurrezione quando, girando la pagina da un periodo prestazionale negativo, si torna a fare gol (obiettivo singolo) o a vincere una partita (ritrovato traguardo di gruppo). La Santa Messa si è chiusa con un fragoroso quanto spontaneo applauso dei calciatori rivolto al Vescovo, che da par suo ha ricambiato salutando i presenti.

 

Fotogallery

Dopo il ritrovo delle 18.00 circa in piazza del Popolo, i giovani calciatori, accompagnati dai relativi dirigenti, con in testa il delegato provinciale Giuseppe Malaspina si sono diretti al Duomo per la Santa Messa

L’arrivo sul viale del sontuoso edificio religioso

L’interno gremito da sportivi

Il saluto introduttivo e la breve relazione ai presenti da parte del delegato provinciale della F.i.g.c. di Fermo, Giuseppe Malaspina

Monsignor Rocco Pennacchio durante l’omelia

Momenti della funzione religiosa

Il passaggio celebrativo con il sacramento della Comunione

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti