facebook twitter rss

Scuole a rischio nel Cratere,
Verducci contro il Governo:
“Legge di Bilancio senza risorse”

POLITICA - Il senatore del Partito Democratico ha presentato un'interrogazione urgente al Ministro Bussetti "perché ponga rimedio quanto prima, e non a ridosso dell'inizio dell'anno scolastico, per scongiurare disagi e sconforto alle famiglie che sono rimaste o stanno ritornando nei comuni colpiti dal terremoto"
Print Friendly, PDF & Email

«È gravissimo quanto sta avvenendo. Il governo di Lega e M5S continua a danneggiare i cittadini e le comunità colpiti dal terremoto. Se le cose non cambieranno, dal prossimo anno le scuole dei comuni del cratere vedranno una drastica riduzione degli insegnanti e del personale tecnico-amministrativo. Verrà messa a repentaglio la continuità didattica fino ad oggi garantita anche nei comuni più piccoli».

Così il senatore del PD Francesco Verducci, vicepresidente della Commissione Cultura del Senato, che aggiunge: «Gli studenti del cratere sismico marchigiano si vedono infliggere un ulteriore danno dal Governo: nel 2016, il Pd si impegnò per far sì che il diritto all’istruzione di ogni studente fosse garantito anche nei comuni del cratere, con una deroga alla normativa nazionale sugli organici scolastici, dando la possibilità ai direttori degli Uffici Scolastici Regionali di assumere insegnanti e personale per assicurare continuità alla formazione dei ragazzi. Per il governo di Lega e M5S invece quel diritto non è da tutelare. La legge di bilancio approvata a dicembre non prevede ulteriori risorse né il rinnovo di queste deroghe e l’USR delle Marche, quale ufficio periferico del Ministero Istruzione, ha predisposto una revisione dell’organico, tagliando il personale alle scuole dei piccoli comuni dell’entroterra. Per questo ho presentato un’interrogazione urgente al Ministro Bussetti perché ponga rimedio quanto prima, e non a ridosso dell’inizio dell’anno scolastico, per scongiurare disagi e sconforto alle famiglie che sono rimaste o stanno ritornando nei comuni colpiti dal terremoto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti