facebook twitter rss

Maggio mese della lettura e di Fermo sui Libri:
Rampini, Padellaro e Vergassola
tra gli ospiti

FERMO - Furio Colombo (Teatro dell'Aquila) e Riccardo Iacona (Fermo Forum) i primi due invitati. 'Cum Grano Salis' è lo slogan per recuperare il senso della misura. Importante il coinvolgimento di Liceo Artistico e Conservatorio Pergolesi
Print Friendly, PDF & Email

di Alessandro Giacopetti

Dopo l’anteprima svolta circa un mese fa con l’ospite Gianrico Carofiglio, si terrà tra maggio e giugno la rassegna Fermo sui Libri. Giunta alla quinta edizione, è stata presentata all’interno della Biblioteca Civica Spezioli di Fermo, uno degli ambienti in cui si svolgeranno gli incontri, assieme al teatro dell’Aquila e al Fermo Forum.

Oriana Salvucci, che ne cura la direzione artistica, l’ha introdotta spiegandone il senso e anticipando gli ospiti: “Viviamo un’epoca complessa, il cui carattere distintivo è la dismisura. ‘Cum grano salis’ è la locuzione latina presa da una citazione di Plinio il Vecchio che accompagna questa edizione. Un appello alla misura e all’equilibrio. Un rifiuto di alcune situazioni che sfociano nella disumanità. Ed è questo il senso del primo intervento di Furio Colombo, centrato su migranti e confini, per sfatare stereotipi sulle migrazioni e sulla necessità di costruire ponti invece che muri. Riccardo Iacona ci aiuterà a decodificare la complessa realtà contemporanea. Teresa Ciabatti, vincitrice del premio Strega e promessa della letteratura, si occuperà del mistero delle relazioni familiari e di cosa significa essere madri e figli.

Federico Rampini porterà la sua visione sui confini e le linee rosse, su come ci rimandano alla storia e all’antropologia del paese. Antonio Padellaro ci restituirà la visione dei bei tempi andati, quando la destra era destra e la sinistra era sinistra, con riferimenti a due figure politiche di rilievo come Almirante e Berlinguer. Incontro seguito dalla leggerezza di Dario Vergassola, che non va mai confusa con la superficialità. Pietrangelo Buttafuoco ci offrirà uno squarcio di realtà contemporanea attraverso un semplice esercizio che compie ogni mattina. Descrive le persone che incontra nella metro, prendendo appunti su un taccuino”. La stessa Oriana Salvucci ha tratteggiato l’incontro di chiusura con Lella Costa, come “la proposta di un libro interessante su una santa e suora della chiesa che seppe disobbedire nell’obbedienza.

Fermo sui Libri – ha aggiunto Salvucci – vede il libro come simbolo, come tema e come attivatore del pensiero. Accanto agli incontri torneranno i Caffè Scienza, il 23 maggio e il 20 giugno, alle 18.30, alla Biblioteca Spezioli”.

“Importante la presenza delle scuole, il liceo Artistico, per coinvolgere gli alunni, così come – le dichiarazioni del vicesindaco Francesco Trasatti – saranno coinvolti gli alunni del conservatorio Pergolesi nell’incipit delle serate. Non a caso ‘Fermo sui Libri’ viene presentato a maggio, mese dei libri per il Mibac. Ministero che ha riconosciuto per il terzo anno Fermo come ‘Città che Legge’. In questo contesto si colloca ‘Fermo sui Libri’, rassegna affiancata ad altri appuntamenti diffusi nel corso dell’anno, come quello svolto durante il Mercatino del Giovedì, o la rassegna Letture Fermane dedicata a case editrici locali. Ultima nata è la rassegna Junior alla Biblioteca Ragazzi con presentazioni dedicate proprio ai più piccoli e i cui appuntamenti di maggio si svolgeranno nei giorni 4, 10, 18 e 31”.

E’ il turno di Stefania Scatasta, dirigente scolastica del liceo Artistico: “Fermo sui Libri è in linea con l’attività didattica utile a dare senso al lavoro di apprendimento. Gli studenti di grafica, ad esempio, intervengono nelle serate per capire come riuscire a sintetizzare in poche parole quello che si è compreso del libro e dell’autore ospite”.

Il maestro Donato Reggi, in rappresentanza del Conservatorio di Fermo, ha affermato: “Il Pergolesi si pregia della collaborazione con Fermo sui Libri, fornendo studenti che arricchiscono le serate con la loro musica. Gruppi di due o tre musicisti eseguono un repertorio che va dalla musica classica al jazz, dopo una coordinazione sul tema affrontato nel singolo incontro. Il Pergolesi è parte integrante della rassegna, quindi”. Presente anche Alberto Palma, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo, a confermare il sostegno all’iniziativa da parte della Carifermo spa.

Gli ospiti del mese di maggio saranno Furio Colombo, il 9 al teatro dell’Aquila; Riccardo Iacona il 16 al Fermo forum; Teresa Ciabatti il 23 alla Biblioteca Spezioli, anticipata dal Caffé Scienza delle 18.30 con il docente Mario Compiani; Federico Rampini il 30 maggio al teatro dell’Aquila, sempre alle ore 21.15.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti