facebook twitter rss

La Lega in consiglio raddoppia
Petrozzi:”Toglieremo i T-red
e ridaremo un cinema alla città”

PORTO SAN GIORGIO - Renzo Petrozzi entra in Lega. Sono due i consiglieri comunali su cui può adesso contare il Carroccio a Porto San Giorgio. Capogruppo resta Marco Marinangeli. Civico resta solo Fabio Bragagnolo dopo il recente passaggio a Fratelli d'Italia della consigliera Maria Lina Vitturini.
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi

La Lega raddoppia. In consiglio comunale da oggi può contare anche sul civico Renzo Petrozzi che ha ufficializzato in conferenza stampa questa mattina il suo ingresso nel partito di Salvini. Dall’inizio del secondo mandato Loira, l’opposizione cambia volto per la terza volta ed i civici, fatto salvo Fabio Bragagnolo che resterà fedele al gruppo 100% Civico, restano con un solo rappresentante. Ad oggi, quindi, la composizione della minoranza vede due esponente di Fratelli d’Italia, due della Lega, uno di Forza Italia ed uno civico. A dare il benvenuto in Lega sono stati il commissario provinciale, Mauro Lucentini, e il capogruppo  Marco Marinangeli. “L’ingresso di Petrozzi in Lega è la conseguenza di una strategia che il partito anche a Porto San Giorgio ha messo in atto, da quando Lucentini ed Arrigoni mi hanno investito di questa responsabilità in città circa un anno fa. Il mio avvicinamento in Lega risale a marzo 2017, prima delle elezioni -ha ricordato Marinangeli- vogliamo un partito inclusivo ma aperto a persone di buona volontà, porte aperte a giovani e donne soprattutto ed a soggetti che hanno avuto un percorso politico mostrando serietà e attaccamento alla città”. Marinangeli ha quindi ricordato che gli iscritti a Porto San Giorgio sono 78 a fine dicembre. “La Lega si sta radicando nel territorio -ha aggiunto il capogruppo consigliare- oggi è il giorno di Renzo, persona a cui va la mia stima. Lo conosco per il suo impegno civico, per la sua professionalità e l’impegno che mette a beneficio della città. Figura che risponde alla caratteristiche che ci siamo dati”.

Gli obiettivi di questa operazione? “Avere più forza in consiglio comunale per incidere concretamente sui problemi della città” annuncia Marinangeli con uno sguardo già alle prossime elezioni amministrative “creare in prospettiva un partito forte per avere una alleanza altrettanto forte“. E’ poi la volta di Petrozzi. “Il mio ingresso in Lega non ha alcuna velleità sovracomunale, faccio politica per Porto San Giorgio e sono qui per continuare il mio impegno in consiglio comunale” sgombrando il campo da rumors su possibili candidature anche in chiave regionale. “Dobbiamo contrastare un’amministrazione inadeguata -prosegue Petrozzi- basti vedere cosa è accaduto con la Bandiera blu, i T-red, la vendita di una quota della San Giorgio Energie, la richiesta di canoni prescritti per le lampade votive, la desertificazione commerciale”. Un lungo elenco di cose che non vanno per il neoesponente della Lega. “Le prossimo elezioni comunali saranno tra tre anni, un tempo lungo, abbiamo di fronte la sfida di mettere in evidenza tutte le criticità di questa amministrazione e fare proposte alternative e credibili partendo da un gruppo consigliare forte”. Questa la linea anticipata da Petrozzi. “La Lega ha uno spazio ampio per agire, gli altri partiti dei centrodestra hanno invece uno spazio di manovra politico troppo ristretto” così Petrozzi ha giustificato il suo ingresso nel partito di Salvini “l’esperienza civica era legata ad Andrea Agostini, quando ha fatto la sua scelta passando a Fratelli d’Italia, non aveva più senso proseguire perché abbiamo perso il punto di riferimento più importante“. Appartenenza ad una casacca vuole dire avere punti di riferimento anche a Roma per essere più incisivi. E poi due annunci fatti dallo stesso Petrozzi. “Ridare alla città l’ex cinema Excelsior, togliere i T-red”, con largo anticipo si catapulta già verso le amministrative del 2023. La chiosa al commissario Mauro Lucentini. “Petrozzi è una delle persone migliori che posiamo avere a Porto San Giorgio. La Lega nella provincia di Fermo è la più blasonata con 394 iscritti”. A Petrozzi Lucentini chiede di fare “una politica costruttiva con buon senso. Sarà questa la rivoluzione che chiediamo”. In chiave elettorale infine la Lega di Porto San Giorgio ha rimarcato il suo appoggio al candidato Lucentini.

 

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti