facebook twitter rss

Sem Run, tutti ai blocchi
di partenza: torna la corsa
che brilla anche nel sociale

SANT'ELPIDIO A MARE - Torna domenica un appuntamento ormai fisso con lo sport che guarda anche al sociale e alla sensibilizzazione verso i meno fortunati. Questa mattina la presentazione al Casale Quota CS Sport
Print Friendly, PDF & Email

di Marco Pagliariccio

Altro che crisi del settimo anno. La Sem Run, in programma domenica prossima, spinge sull’acceleratore di una crescita che, anno dopo anno, l’ha portata a diventare un “faro acceso in mezzo alle Marche”, come l’ha definita il patron del main sponsor Quota Cs Sport & Moda Simone Corradini.

Alla base, come da 47 anni a questa parte, c’è sempre la corsa: una 10 chilometri competitiva, regolarmente sotto l’egida della Fidal per l’organizzazione dell’Atletica Elpidiense Avis-Aido, con un percorso che, al solito, si snoderà lungo tutto il centro cittadino elpidiense (partenza e arrivo da Cs Sport) e al suo fianco due percorsi non competitivi, rispettivamente da 4 e 10 chilometri, aperti a tutti, anche alla novità del nordic walking. Nel primo caso, iscrizione a 10 euro comprendente servizio sigma con chip, maglia tecnica, sacca evento, birra artigianale e prodotti alimentare. Nel secondo, costo di 5 euro con maglia tecnica e sacca evento che sale a 10 nel caso si voglia aggiungere il chip di rilevazione tempo. Tutto intorno, però, sarà una grande festa, con musica, divertimento e attenzione al sociale.


L’iniziativa è stata presentata questa mattina presso il Casale Cs Sport, battezzata dall’amministrazione comunale dopo la visione del simpatico video di lancio realizzato con una parodia della canzone vincitrice di Sanremo ‘Soldi’. “Questo è un grande momento di promozione per il nostro territorio e per questo abbiamo già deliberato un contributo per il secondo anno consecutivo”, ha sottolineato il sindaco Alessio Terrenzi, cui ha fatto eco l’assessore allo sport Alessio Pignotti. “L’evento in sé si contraddistingue per tre punti. La vetrina che crea qui a Sant’Elpidio a Mare, cui cercheremo di contribuire con le manutenzioni necessarie in vista della corsa. Poi il sacrificio da parte di chi organizza e che si lega a quello che richiama la corsa. Infine l’attenzione al sociale”.
Già perché Sem Run non prende soltanto, ma restituisce anche. E lo farà in diverse forme. In primis, la società ha voluto coinvolgere i medici di base per dei momenti di sensibilizzazione alla pratica sportiva. “Fare movimento per migliorare la salute è spesso complicato per la mancanza di opportunità di farlo – ha rimarcato il dottor Paolo Misericordia – la Sem Run va bene, ma poi del movimento fisico andrebbe fatto tutto l’anno. Il problema è per chi non se lo può sempre permettere, per questo sarebbe importante che le istituzioni aumentassero la sensibilità in questa direzione”. Quindi, il contatto con il progetto Filippide, cui sarà possibile fare delle donazioni al momento delle iscrizioni (già aperte sia online che presso Quota Cs Sport). “La Sem Run è ormai una ricorrenza per noi – ha ribadito la presidente dell’associazione Cinzia Spataro – con lo sport troviamo la forza per affrontare con maggiore leggerezza una malattia complicata come l’autismo”. E poi il legame con le scuole cittadine: lo scorso anno furono raccolti 400 euro che hanno finanziato l’acquisto di un computer portatile, consegnato ieri mattina alla dirigente scolastica Teresa Santagata. E quest’anno si procederà in maniera analoga. “Come scuola cerchiamo di promuovere lo sport, per questo abbiamo invitato i bambini ad esserci”, ha affermato la preside.
Al centro però c’è sempre la corsa e la voglia di stare insieme, come hanno ribadito i due motori dell’evento, Daniele Antonelli, presidente dell’Atletica Elpidiense, e Marco Fantuzi di Quota Cs Sport & Moda: “Abbiamo sempre cercato di migliorarci ed innovarci, ma questo non sarebbe stato possibile senza associazioni, istituzioni e sponsor – hanno sottolineato i due – quest’anno abbiamo fatto maggiore attenzione alla comunicazione, ma non solo. Dietro di noi c’è un gruppo di 50 persone, che diventano 100 il giorno della corsa”. E poi spazio anche alla Contesa del Secchio, che animerà il percorso nelle varie contrade con la presenza dei suoi sbandieratori e musici, come farà anche il Carnevale di Monte Urano con le proprie maschere. Insomma, ce n’è davvero per tutti i gusti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X