fbpx
facebook twitter rss

Chiude il traforo del Gran Sasso,
la Salaria torna
al “centro del mondo”

VIABILITA' - Il tunnel che buca la montagna più alta degli Appennini chiuderà a tempo indeterminato dalla mezzanotte del 19 maggio come annunciato dalla società che gestisce il tratto autostradale a seguito delle inchieste sul presunto inquinamento delle falde acquifere
Print Friendly, PDF & Email

L’ingresso del traforo (Foto da stradadeiparchi.it)

di Renato Pierantozzi

«Sulla Salaria non ci passa più nessuno, ci sono sette semafori per i lavori post sisma ed anche gli ascolani per andare a Roma utilizzano il traforo del Gran Sasso». Era stato questo il grido di dolore lanciato dal sindaco di Arquata, Aleandro Petrucci, in occasione dell’incontro in Provincia di Ascoli Piceno in occasione della presentazione del Patto per la ricostruzione lo scorso 11 aprile.

Ora invece la situazione potrebbe ribaltarsi completamente visto che dalla mezzanotte di domenica 19 maggio (tra una settimana) infatti il traforo che buca la montagna più alta degli Appennini chiuderà a tempo indeterminato come annunciato dalla società che gestisce il tratto autostradale.

La Strada dei Parchi vuole evitare ulteriori contestazioni a seguito anche delle inchieste sul presunto inquinamento delle falde acquifere. E così per andare a Roma non restano tante alternative: passare da Pescara, tramite l’A25, con tempi di percorrenza più lunghi di almeno un’ora almeno per i bus o tornare alla cara e vecchia “Salaria”. In Abruzzo sta scoppiando una mezza rivolta poiché la chiusura del tunnel lungo 10 km e i lavori previsti anche sull’A25 rischiano di isolare tutta la regione che ha proprio nel collegamento verso la Capitale il suo sbocco vitale verso ovest.

Lo stesso sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, ha definito la decisione “irresponsabile”. Ora restano sette giorni per scongiurare la chiusura. Il conto alla rovescia è appena iniziato.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X