facebook twitter rss

M5S: “Ecco perché sfidiamo
il sindaco uscente
con la lista ‘Le Stelle'”

SERVIGLIANO - Dal M5S: "Purtroppo i tempi stretti per ottenere la certificazione, come sarebbe stata nostra intenzione e desiderio al fine di partecipare alle elezioni comunali sotto l’egida del simbolo del MoVimento 5 Stelle, ci hanno posto nella scomoda condizione o di rinunciare o di competere con una lista civica. Abbiamo scelto la seconda alternativa"
Print Friendly, PDF & Email

“Come attivisti locali del MoVimento 5 Stelle, in questa fase della nostra attività, riteniamo opportuno che il lettore sia messo al corrente delle modalità che caratterizzano la nostra organizzazione sul territorio.

Estensivamente esiste il MoVimento 5 stelle della Media Valtenna, un gruppo dislocato in un ampio contesto che comprende molti dei paesi appartenenti ad una zona riconducibile territorialmente alla parte centrale della provincia di Fermo. A sua volta, a seguito dell’attività politica svolta durante i 6 anni della sua esistenza, il MoVimento 5 Stelle della Media Valtenna è suddiviso in specifiche aree d’interesse e intervento, nei confronti delle quali, vari attivisti operano in modo più articolato e mirato. Così abbiamo il “MoVimento 5 stelle Montegiorgio”, la cui attività è riferita esplicitamente al Comune in questione, dove è presente, quale consigliere d’opposizione e portavoce, il nostro attivista Simone Vecchi.A Monte San Pietrangeli, Comune nei confronti del quale la nostra operatività in termini politici è stata particolarmente rilevante negli anni 2015 e 2016, abbiamo costituito il ‘Meetup 5 Stelle Monte San Pietrangeli’.

Altro Comune di particolare interesse per noi, è quello di Servigliano dove da sempre abbiamo allestito banchetti informativi e dove ultimamente abbiamo costituito una lista civica denominata Lista Le Stelle per partecipare alle locali elezioni comunali.

Detto questo, è proprio in merito a tale lista che riteniamo doveroso chiarire alcuni aspetti inerenti alle ragioni per le quali un gruppo M5S abbia intrapreso un’operazione politica sotto il segno di una lista civica e non, come di norma, con il simbolo proprio del MoVimento 5 Stelle.

Per particolari circostanze determinatesi a 3 mesi dalla data delle elezioni, la situazione politica a Servigliano era tale da far prospettare l’assenza di liste concorrenti rispetto a quella dell’amministrazione uscente, unica quindi a candidarsi, per i prossimi 5 anni, al governo del paese. Ritenendo noi questo poco conforme a un quadro di dialettica democratica, abbiamo preso la risoluzione, perché ciò non accadesse, di candidare una nostra lista M5S.

Purtroppo i tempi stretti per ottenere la certificazione, come sarebbe stata nostra intenzione e desiderio al fine di partecipare alle elezioni comunali sotto l’egida del simbolo del MoVimento 5 Stelle, ci hanno posto nella scomoda condizione o di rinunciare o di competere con una lista civica. Abbiamo scelto la seconda alternativa. Diversamente si sarebbe ineluttabilmente ripresentata, per il paese di Servigliano, la situazione in precedenza descritta e che, avrebbe interferito, come detto, con l’esplicitarsi di corrette dinamiche democratiche.

Il nome, Lista Le Stelle, e il simbolo scelto, sono un chiaro riferimento al MoVimento 5 stelle.
Non poteva, peraltro, essere diversamente poiché i candidati della lista, sono invariabilmente tutti 5 stelle, sei dei quali addirittura attivisti di lungo corso del MoVimento Media Valtenna, iscritti a Rousseau, e già da tempo molto attivi sul territorio. Gli altri tre sono simpatizzanti in relazione con il gruppo e da sempre votanti M5S. Questa situazione, in linea di massima, è ben conosciuta dalla cittadinanza serviglianese.

L’elettore che dovesse, nel momento del voto, conferire il suo consenso alla Lista Le Stelle, è, e sarà, perfettamente consapevole che tale atto indicherà una scelta ben precisa a favore di persone appartenenti al MoVimento. La nostra lista, dato il genere dei componenti, non è un surrogato o una mistificazione artificiosa per catturare consensi. E’ il MoVimento nella sua massima espressione.
Data la presenza di due sole liste in concorso, si avrà, come inevitabile conseguenza, l’acceso garantito dei 5 stelle in Comune. E tutti sanno che poi confrontarsi con attivisti di lunga data del Movimento, attivisti in qualità di consiglieri, è pesante. Veramente pesante. Quanto poi a eventuali riserve su questa operazione da parte di appartenenti al MoVimento di linea ‘iper-ortodossa’, facciamo presente che essa, avendo le stigmate del MoVimento 5 Stelle Media Valtenna, è sicura garanzia di affidabilità e trasparenza. Gli altri gruppi M5S della provincia Fermana sono stati messi al corrente di quanto da noi intrapreso a Servigliano. Attenzione a non confondere questa nostra iniziativa, con ciò che Di Maio ha prospettato ipotizzando un’eventuale e generica apertura a liste civiche. Qui, nel nostro caso, non si tratta né di imparentamento con liste civiche, né d’immissione di nostri attivisti in liste civiche di altri, né di ‘infarcimento’ della nostra lista con provenienze estranee e pericolose, le quali cose noi, equilibrati ortodossi del MoVimento, non approviamo assolutamente.  Non solo, ma vogliamo mettere in guardia altri appartenenti al MoVimento che operazioni come la nostra, se valida in un contesto di riferimento quale quello che abbiamo qui delineato, in altre circostanze e situazioni, potrebbe risultare non scevra di pericoli, potendo costituire un escamotage per aggirare la certificazione quando si volessero introdurre in lista elementi poco raccomandabili”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X