fbpx
facebook twitter rss

“Vogliamo subito la ricostruzione”
Oltre 300 terremotati
protestano a Roma (FOTO)

EVENTI - Da Castelluccio, Arquata, Ussita, Visso, Castelsantangelo, Camerino, Tolentino, Caldarola, Fiastra, Amatrice e persino da L'Aquila si sono ritrovati nella Capitale
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

Ricostruzione veloce, zona franca, differenziazione del cratere, messa in sicurezza dei territori. E soprattutto l’Appennino centrale come bene comune. Sono i temi sollevati nella mattinata a Roma, davanti a Montecitorio, in occasione di una manifestazione delle popolazioni terremotate, estenuate da una situazione che ancora non riesce a sbloccarsi.

Da Castelluccio, Norcia, Arquata, Ussita, Visso, Castelsantangelo, Camerino, Tolentino, Caldarola, Fiastra, Amatrice e persino da L’Aquila, oltre 300 persone si sono mobilitate per protestare nei confronti delle istituzioni.

Neanche un acquazzone è riuscito a fermare la voce di cittadini che – insieme al Coordinamento Terremoto Centro Italia, Action Aid, Terre in Moto e Brigate di Solidarietà Attiva – hanno voluto raggiungere la Capitale per rimettere al centro della discussione la ripresa (sia da un punto di vista abitativo che economico e sociale) delle zone del centro Italia duramente colpite dai terremoti tra 2016 e 2017.

“Hanno parlato cittadini e comitati, ma senza politici” rimarca una partecipante all’evento. E il primo giugno si terrà una nuova manifestazione, sempre a Roma. “Non è un problema locale, tutto questo va superato a vantaggio di una visione d’insieme – prosegue -. Ci auguriamo sia l’inizio di una mobilitazione di tutti i territori e che il prossimo appuntamento sul raccordo sarebbe utile un intervento da parte di tutti. Dobbiamo farci forza insieme. Siamo di fronte a due mobilitazioni che, anche se con modalità diverse, portano avanti le stesse istanze. In tanti hanno detto che è importante unire e che serve accogliere tutti i momenti di protesta, al di là dei personalismi. Ripeto: è utile avere una visione comune e che ci si muova tutti sulla stessa strada”.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page





Gli articoli più letti


X