facebook twitter rss

Fusione tra Sant’Elpidio e Porto,
primo passo: si affida l’incarico
per studiare pro e contro

PORTO SANT'ELPIDIO - Individuato un consulente a cui entro l'estate sarà affidato l'incarico, avrà 6 mesi di tempo per consegnare lo studio
Print Friendly, PDF & Email

di Pierpaolo Pierleoni

Nei mesi scorsi il tema della riunificazione tra Porto Sant’Elpidio e Sant’Elpidio a Mare era tornato di attualità, soprattutto su impulso del sindaco Alessio Terrenzi, che era arrivato anche ad ipotizzare un referendum nel 2020. Al di là delle dichiarazioni d’intenti, non si procede certo ad un ritmo indiavolato, ma qualcosa si muove. Le due amministrazioni hanno concordato di compiere un primo passo, per avere uno strumento utile a valutare se sia opportuno percorrere questa strada. Dopo alcune riunioni, si è deciso di affidare uno studio di consulenza, che rappresenterà la base per ragionare su un’eventuale fusione.

“Stiamo procedendo come avevamo concordato col sindaco Terrenzi – fa sapere il primo cittadino di Porto Sant’Elpidio Nazareno Franchellucci – Abbiamo individuato una figura che si occuperà di redigere uno studio, che pagheremo in parti uguali tra i due Comuni, per avere un supporto che ci dia gli strumenti necessari a ragionare in modo approfondito sull’ipotesi di riunificazione”. Un lavoro simile era stato redatto ormai quasi 30 anni fa dal prof. Antonio Calafati. Un documento per molti aspetti ancora attuale, ma che chiaramente, visti i consistenti mutamenti dagli anni 90 ad oggi, richiede di essere aggiornato. Il percorso insomma prosegue, senza fretta. L’idea iniziale che Terrenzi propose un anno fa, di arrivare ad una consultazione popolare in concomitanza con le elezioni regionali 2020, è tramontata.

Lo studio, che dovrebbe costare una somma intorno ai 15.000 euro, partirà dopo la stagione estiva e si è ipotizzato ad un periodo di circa 6 mesi da dare alo consulente scelto dai due Comuni, per effettuare tutti gli approfondimenti del caso. La relazione dovrebbe arrivare quindi sul tavolo dei sindaci per la primavera 2020. A quel punto si capirà se ci sia una concreta intenzione di andare avanti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X