facebook twitter rss

LETTERE AL DIRETTORE
“Il ricordo di Berlinguer
non è stato scalfito”

FERMO - "Penso che, anche per questa ed altre ricchezze morali e culturali, non dobbiamo disperare. La sua ed altre eredità, non possono essere svanite nel nulla. Mi pare che, in mezzo alle nebbie, prevalentemente nell’ associazionismo e nel sindacato, si stia intravvedendo qualcosa di positivo"
martedì 11 Giugno 2019 - Ore 17:06
Print Friendly, PDF & Email

di Giorgio Cisbani

Enrico Berlingue

Caro direttore, invio questa lettera per la pubblicazione, ringraziandoti anticipatamente.

Nel ricordare l’anniversario della morte di Enrico Berlinguer (9 giugno 1984) la memoria torna a quel 12 novembre 1999, quando, per la prima volta in Italia, a Fermo, a Palazzo dei Priori, si svolse un convegno sul segretario del PCI: ”Berliguer 15 anni dopo”.

Presente il figlio Marco, intervennero: Aldo Tortorella, Antonio Rubbi, Marco Fumagalli, Giuseppe Chiarante, già dirigenti del Pci; e Chiara Valentini, giornalista di Repubblica.

Antonio Rubbi – responsabile dell’ufficio esteri -, si diffuse ampiamente sulle pressanti sollecitazioni di Willy Brandt, affinchè Berlinguer non “ rompesse “ i rapporti con il partito comunista dell’Unione Sovietica, perché, così al meglio, il Pci – nel quadro di una politica di distensione e di pace -, potesse continuare a svolgere il ruolo essenziale di tramite con i partiti socialisti e socialdemocratici dell’Occidente. Già nel 1969 a Mosca, da vice-segretario, Berlinguer aveva affermato: “ Noi respingiamo il concetto che possa esservi un modello di società socialista unico e valido per tutte le situazioni “.

Dei rapporti di Berlinguer con Brandt ( combattente anti-nazista, divenuto Cancelliere della Germania, oltre che Presidente dei socialdemocratici e Premio Nobel per la Pace nel 1971, si sapeva, ma la richiesta di non “ rompere “ con il PCUS, non era – allora – di larga conoscenza.

Il ricordo di Enrico Berlinguer, nonostante siano trascorsi 35 anni, e nonostante, viviamo tempi che consumano tutto in un lampo, non è stato scalfito. Forse, i suoi “i pensieri lunghi “, il suo rigore morale, quell’alto senso della cosa pubblica, la sua proverbiale coerenza e il forte legame con i ceti popolari, vengono maggiormente esaltati dalle incredibili ” miserie politiche ” odierne.

Penso che, anche per questa ed altre ricchezze morali e culturali, non dobbiamo disperare. La sua ed altre eredità, non possono essere svanite nel nulla. Mi pare che, in mezzo alle nebbie, prevalentemente nell’ associazionismo e nel sindacato, si stia intravvedendo qualcosa di positivo.

Di certo, l’affetto e la stima verso “un uomo di parte “ che, oltre i suoi confini ideologici, guardava al Paese e al mondo; colui che nel 1972, dopo Gramsci, Togliatti e Longo, divenne segretario del Partito comunista italiano, non è un dato secondario. Anzi, più che altro mi pare un segno di forte speranza. Indica che Il Paese, nei suoi mille rivoli, ha le energie per riprendersi.

 

Per inviare le vostre lettere: [email protected]


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X