facebook twitter rss

Fine settimana denso di
sfide per la Fermo Nuoto

PALLANUOTO - Passaggio di stagione agrodolce per i portacolori del sodalizio fermano, con la Prima squadra della Serie C e le tante rappresentative del vivaio impegnate su più impianti di sfida
Print Friendly, PDF & Email

FERMO – Nella Serie C maschile, sabato scorso, in uno scontro serale tra le mura domestiche, la Fermo Pallanuoto, vincendo, ha conquistato anticipatamente una salvezza che a metà campionato pareva in fortissima discussione: il successo di misura sul Club Acquatico Pescara (7-6), ha significato non solo la festa per la permanenza – matematica – nella serie, ma anche un generoso piazzamento di medio classifica, ben lontano dalle sabbie mobili in cui, appena tre mesi fa, sembrava essere fagocitata la squadra.

Incerta è stata l’apertura del match con un primo tempo terminato in parità, ma deciso e belligerante (2-2). Fermo tenta di fare il colpaccio nel secondo quarto, ma in realtà è essa che accusa (1-3) la reazione pescarese che è indomita. Ci vuole la pausa lunga per schiarire le idee agli uomini di mister Liberati, i quali tornano in vasca con un piglio diverso e rimettono in parità i conti (3-1).

È il quarto e ultimo tempo, a questo punto, quello decisivo: la mischia è continua e concitato il gioco che perde in fluidità e tatticismo. L’arrembaggio fermano, tuttavia, fa centro e segna quella marcatura che decide l’incontro e dà il via alla festa (1-0).

Ancora una volta in vasca, Priorelli, Reali, Bellabarba (1gol), Di Stefano (1), Mignani, Moretti, Andrenacci (3), Zeppilli, Sollini R.(1), Carducci, Gentili, Gregoroni, Napoleone sono i protagonisti di questa bella pagina di sport per la propria società.

La partita è stata intensa e avvincente: gli ospiti erano all’ultima spiaggia, i locali in cerca di conferme dopo una lunga striscia di risultati positivi. I pescaresi partono fortissimo e mettono in difficoltà i padroni di casa. Negli ultimi due periodi, però, ecco la reazione dei ragazzi giallorossi, trainati, come al solito, dai gol di Andrenacci, i quali, consapevoli che tre punti avrebbero sancito la salvezza matematica, stringono i denti e ribaltano il risultato, più per caparbietà che per gioco, blindando la difesa e mantenendo lo score offensivo.

Sapevamo che Pescara ci avrebbe messo in difficoltà –chiosa un soddisfattissimo coach Emiliano Liberati -, è una delle formazioni più in forma del girone di ritorno. Eppure, come spesso è successo da qualche mese a sta parte (nelle ultime 8 partite 6 vittorie e 2 sconfitte), la squadra nel momento di difficoltà non si è sfaldata, anzi ha trovato la forza nel collettivo per ribaltare il punteggio e conquistare i tre punti fondamentali al nostro obiettivo, che coronano una stagione di sacrifici”.

Protagonista di un episodio raro in questo sport è stata, domenica scorsa, l’Under 13, che a Osimo, contro i padroni di casa della Team Osimo Nuoto ha pareggiato 8 a 8.

L’agonismo non è mancato, come pure il carattere di questi giovanissimi, i quali hanno saputo riprendere una partita che sembrava ormai andata, proprio all’ultimo tempo e con una prova di forza che si è coniugata con le maturate qualità tattiche del collettivo.

Dopo i primi due tempi fotocopia ed a vantaggio dei padroni di casa (2-1, 2-1), la reazione fermana passa per un pareggio nel terzo quarto la lotta è accesa, ma ininfluente per il risultato (2-2), sicché è solo l’ultimo tempo a mettere in campo i veri valori tirando fuori dai ragazzi giallorossi le migliori intenzioni e le ultime energie (2-4).

In vasca Verdecchia, Toci, Vallasciani (1 gol), Concetti, Mignani, Romanelli (1), Niccià (2), Zeppilli, Apollonio, Fazi (1), Alberti, Macerata (3), Scalella, Piattoni hanno dato vita ad un altro match al cardiopalma, uno scontro all’ultimo respiro contro i pari età di Osimo.

La squadra di casa (che inseguiva in classifica i fermani con un gap negativo di tre punti) parte forte e mette in difficoltà gli ospiti che, però, non mollano e con un carattere eccezionale riescono ad agguantare e poi superare gli avversari, salvo poi essere raggiunti nel finale. Il pareggio premia i colori giallorossi che si aggiudicano la vetta finale del girone regionale 2 e adesso se la dovranno vedere con San Severino, in un doppio scontro, andata ritorno, per sancire il campione regionale di categoria.

“Il carattere dimostrato dai miei nel reagire alla situazione di difficoltà mi ha dimostrato quanto siano cresciuti in questa stagione, sul piano sia tecnico sia mentale. Ora ci aspetta una sfida affascinante e molto complicata con San Severino, ma ce la metteremo tutta per ottenere il massimo dalla stagione” racconta con orgoglio ed entusiasmo mister Andrenacci.

A margine dei campionati regionali, domenica è stata la volta anche dell’Under 9 che a San Severino disputava un Torneo a 4 squadre. Della partita sono stati Nunzi, i fratelli Recanati, Noel, Borghini, Branchi (fanno parte della squadra anche gli assenti Pettinari e Sgammini ) per una seconda uscita delle più giovani calotte giallorosse, le quali, dopo il torneo di Tolentino, stavolta competevano nella piscina Blu Gallery di San Severino.

Lo score finale dice due sconfitte (contro Tolentino e Perugia) e una vittoria (contro i padroni di casa), ma soprattutto di una grande soddisfazione per i tecnici Andrenacci, Mancini e Chimenti che tante speranze ripongono in questi giovanissimi atleti per il futuro del movimento.

Completa il riepilogo l’Under 15 che ha giocato lunedì a Perugia contro la Libertas. Il match, acceso, ha visto una metà dell’incontro vissuta sul più totale equilibrio e nella completa incertezza: se i padroni di casa si aggiudicano, di misura, il primo tempo (1-0), uguale e è la reazione degli ospiti nel secondo tempo (0-1).

È, tuttavia, la Libertas a cambiare marcia dopo l’intervallo, sfondando nel terzo tempo (4-1) e regolando il quarto (1-0).
Cerolini, Gargano, Romanelli F, Fortuna, Vita, Fenni, Romanelli R (1), Gentili, Macerata, Apollonio, Chimenti, Concetti (1), Mele, Fazi, Fratini sono i protagonisti dell’ultimo atto di questo weekend di pallanuoto, che si chiude con la sconfitta inaspettata dei ragazzi di mister Mancini in trasferta conto l’ultima della classe.

Dopo un inizio in equilibrio i padroni di casa affondano la zampata decisiva nel terzo quarto con un netto parziale che mai i ragazzi giallorossi riescono a recuperare.

Dopo la vittoria casalinga contro Pesaro abbiamo commesso l’errore di rilassarci pensando che la vittoria del campionato fosse già cosa fatta. Adesso, invece, a fronte delle due sconfitte nelle ultime partite, tutto si deciderà nell’incontro di domenica (ore 14) con la Jesina, battuta di misura all’andata e distante solo tre lunghezze in classifica”. Ci spiega un serioso mister Mancini.

”Cercheremo di ritrovare serenità e concentrazione in vista dell ultimo match stagionale per conquistare il primato”.

 

Fotogallery


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X