facebook twitter rss

Punta da una zecca, paura
per una bimba di sei anni

PORTO SAN GIORGIO - La bimba, medicata al pronto soccorso, ha febbre alta. E le è stata prescritta cura antibiotica. Il padre: "In questa città il verde va curato"
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Vergari

“Per fortuna ce ne siamo accorti. Ma la nostra bambina ha comunque febbre alta, a 39 e mezzo, e gonfiore ai linfonodi sotto al collo”. E’ il racconto del padre di una bimba che nei giorni scorsi è stata punta da una zecca: “Dove può essere successo? Noi crediamo nel parco giochi in viale delle Regioni, nel quartiere nord di Porto San Giorgio. Lì infatti siamo andati a far giocare la bambina. La sera, nel metterla a letto, la mamma ha sentito con la mano, sotto i suoi capelli, una strana escrescenza. E quando ha spostato i capelli ha visto la zecca.

Così l’abbiamo subito rimossa ma nostra figlia ha accusato febbre e un preoccupante rigonfiamento dei linfonodi.  Siamo andati all’ospedale dove le è stato rimosso dal cuoio capelluto, il rostro. Nostra figlia è stata poi sottoposta a profilassi con una cura antibiotica e resterà in osservazione per i prossimi 5 o 6 mesi. Oggi ha ancora la febbre alta. Io non parlo per polemizzare con chicchessia, questo sia chiaro. Ho fatto presente il fatto a chi di dovere, dall’Asur al Comune, nello specifico ai vigili urbani e all’ufficio tecnico. Perché? Semplice, perché vorrei che il verde sia maggiormente curato negli spazi pubblici. In alcune aree l’erba non è tagliata, in altre, se tagliata, viene lasciata a terra per giorni. La mia denuncia pubblica vuole avere l’obiettivo di avvisare i tanti genitori che frequentano con i loro figli i parchi pubblici. Le zecche possono provocare malattie anche serie come quella di Lyme o l’encefalite da zecca, la febbre Q, l’erlichiosi. Dunque attenzione e cura del verde, queste le richieste che mi sento di avanzare sia al Comune che ai genitori”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X