fbpx
facebook twitter rss

Raffica di controlli e identificazioni
della polizia: scovati
anche due ‘pericolosi soggetti’

FERMANO - La Squadra Mobile, inoltre, ha dato esecuzione ad un provvedimento, nei confronti di un quarantenne, di divieto di avvicinamento, per atti reiterati di maltrattamenti verso dell’anziana madre
domenica 16 Giugno 2019 - Ore 10:21
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

Cresce l’attività della polizia di Stato lungo la costa fermana all’inizio della stagione estiva, su tutti i fronti della prevenzione e repressione dei reati.

“Nel corso della settimana – i dettagli forniti dalla questura di Fermo – le azioni di contrasto e prevenzione si sono concentrare nella zona costiera di  Lido Tre Archi, Lido di Fermo e Porto San Giorgio con l’impiego di operatori di rinforzo del Reparto Prevenzione Crimine di Pescara e con personale della Questura di Fermo con l’ausilio di una squadra di cinofili del Gruppo della Guardia di Finanza di Fermo.

Durante i posti di controlli e perlustrazioni del territorio, nell’arco di una giornata, sono state controllate 75 persone e 45 autovetture e controllati cinque esercizi pubblici.

Le numerose verifiche effettuate dal personale della Polizia di Stato hanno portato, tra l’altro, all’identificazione di due pericolosi soggetti gravati da numerosissimi precedenti penali per reati contro il patrimonio e colpiti da diversi misure di prevenzione disposte da varie autorità di pubblica sicurezza nel territorio nazionale. I due si aggiravano con fare sospetto per il territorio fermano, in particolare a Lido di Fermo e Porto San Giorgio. Ad entrambi, non essendo in grado di dare della plausibili giustificazioni sulla loro presenza presso questo territorio, veniva irrogato un foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Porto San Giorgio.

La locale Squadra Mobile, inoltre, ha dato esecuzione ad un provvedimento, nei confronti di un quarantenne, residente in provincia emesso dall’autorità giudiziaria, di divieto di avvicinamento, per atti reiterati di maltrattamenti verso dell’anziana madre volti ad ottenere somme di denaro per l’acquisto di droga”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X