facebook twitter rss

Esame di maturità: la carica dei 1160,
il saluto della Provincia
e le raccomandazioni della polizia

ESAMI - Con tanti giovani fermani sui banchi della maturità arrivano il saluto della presidente della Provincia Moira Canigola e del suo vice Stefano Pompozzi. Ma allo stesso tempo le raccomandazioni e il monito sui 'falsi miti' da parte della polizia postale e delle telecomunicazioni. Telefonini off limits tra i banchi
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

Maturità 2019. Partiti. Sono 1.160 gli studenti che oggi, nelle scuole del Fermano, hanno iniziato la Maturità, uno di quegli esami, forse ‘l’esame degli esami’ che segnerà una svolta, un giro di boa nella loro vita. Si parte con la prova di italiano. Sono circa una quarantina (il 2,9%) quelli che al quinto anno di superiori non sono stati ammessi all’esame.

Il gruppone di testa dei maturandi è rappresentato dai ragazzi dell’Iti Montani (270 studenti) tra Fermo e Montegiorgio. Poco più della metà quelli dell’Annibal Caro (142 tra liceo classico con 53 alunni, 62 delle scienze umane e 23 dell’indirizzo economico-sociale). Sono 173 quelli del Calzecchi Onesti: 85 del liceo scientifico, 65 del Linguistico e 23 delle Scienze applicate. Ragioneria e Geometri, insieme, contano su 105 studenti. L’Ipsia 60, il Liceo artistico 102 (71 a Fermo e 31 a Porto San Giorgio). A Porto Sant’Elpidio sono 26 gli studenti del liceo scientifico sportivo. Lo scientifico tradizionale del polo Urbani conta 46 maturandi, l’Alberghiero 48, la Ragioneria 47. Pronti alla maturità anche i 10 dell’indirizzo sociosanitario del Tarantelli a Sant’Elpidio a Mare. Quelli dell’Alberghiero sono 43. A Montegiorgio gli studenti dello Scientifico sono 33. Quelli della Ragioneria 26. Sono 28 quelli delle scuole superiori di Amandola: 14 a Relazioni internazionali per il marketing e altrettanti per Sistemi informativi aziendali. Sette tracce per la prova di italiano con la doppia materia per la seconda prova di domani. Per l’orale, nessuna tesina. E si partirà con la domanda a sorpresa contenuta in una delle tre buste che i candidati saranno chiamati a scegliere.

“Secondo una ricerca di Skuola.net 1 su 6 crede che su internet sia possibile trovare le tracce d’esame prima del tempo, mentre 1 su 5 è convinto di essere spiato dalla Polizia durante l’esame: sono tutte fake news, bufale e leggende metropolitane.

Per l’undicesimo anno consecutivo la Polizia postale e delle comunicazioni, in collaborazione con il portale degli studenti Skuola.net, si appresta a lanciare la campagna di sensibilizzazione ‘Maturità al sicuro’, con l’obiettivo di aiutare i ragazzi – spiegano dalla polizia di Stato – ad affrontare l’esame con maggiore serenità, confidando nei propri mezzi e nella preparazione ricevuta, senza perdere tempo prezioso e denaro alla ricerca della ‘soffiata giusta’. Unica certezza per i maturandi è che usare lo smartphone durante le prove comporta la bocciatura; questa raccomandazione è rivolta soprattutto a quel 31 per cento che pensa che non si commetta illecito nel ricevere le soluzioni delle tracce dall’esterno, mentre la prova è in pieno svolgimento.

A questo scopo è stato realizzato un video in collaborazione con Skuola.net e lo youtuber Nikolais, che verrà diffuso anche su Facebook, Instagram e Youtube. Un contenuto ironico che passa in rassegna le tipologie di studente più diffuse: dall’ansioso all’influencer, passando per il ‘tanto non lo chiede’ e il credulone. Quest’ultimo sarà preda di una possibile compravendita di tracce in anticipo, prontamente sventata dall’intervento di un rappresentante della Polizia di Stato.

Inoltre, nelle notti che precedono gli esami, gli operatori del Commissariato di P.S. online sono a disposizione dei maturandi per rispondere a tutti i loro quesiti e dubbi sulle informazioni che circolano in rete nelle ore immediatamente precedenti la prima prova d’esame. Un rappresentante dalle Polizia di Stato sarà anche presente alla tradizionale diretta di Skuola.net nelle ore precedenti l’esame, per rispondere a tutti i dubbi degli studenti.

Dalle raccomandazioni e dal supporto della polizia al saluto della presidente della Provincia Moira Canigola e del suo vice Stefano Pompozzi: “L’esame di maturità rappresenta l’ingresso nell’età adulta, un passaggio necessario nel percorso di costruzione di una personalità critica, creativa, compiuta, che è quella con cui vi muoverete nel mondo.

Desideriamo rivolgere un saluto affettuoso e un sincero in bocca a lupo agli studenti della nostra Provincia che, a partire da domani, sosterranno l’esame di maturità. Cari ragazzi, vivete questo momento con tensione positiva e tanto entusiasmo, è un evento importante della vostra vita, che resta indimenticabile per sempre.
L’esame di maturità rappresenta l’ingresso nell’età adulta, un passaggio necessario nel percorso di costruzione di una personalità critica, creativa, compiuta, che è quella con cui vi muoverete nel mondo. L’augurio per tutti voi è quello di affrontare questo impegno con serenità e sicurezza, consapevoli delle vostre capacità.
La sfida in cui vi misurerete in questi giorni è solo la prima di tante altre prove a cui la vita vi sottoporrà. Ciò che conta è che impariate a costruire il vostro futuro con passione e perseveranza, compiendo scelte giuste, nel segno degli ideali e dei valori che la scuola e la famiglia vi hanno trasmesso.
Vogliamo, infine, esprimere un sentito ringraziamento ai docenti impegnati nelle Commissioni d’esame, nonché agli insegnanti e a tutto il personale scolastico per il grande lavoro svolto con i ragazzi durante l’anno scolastico, per la professionalità con la quale li hanno accompagnati nel loro percorso di studi. Buona maturità a tutti”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X