facebook twitter rss

‘Strane presenze’ in strada:
suona ai citofoni con un manichino
e una parrucca, rubata una borsa

PORTO SAN GIORGIO - Nel tardo pomeriggio di ieri dei sangiorgesi hanno notato quel ragazzino aggirarsi tra le vie del centro. E in via Galliano un ragazzino con manichino e parrucca al seguito, ha rubato la borsa a una badante che si trovava in casa con un anziano. Indagano i carabinieri
Print Friendly, PDF & Email

di Giorgio Fedeli

Strana presenza, per usare un eufemismo, quella notata da diversi residenti nel tardo pomeriggio di ieri a Porto San Giorgio, per la precisione tra viale Cavallotti, via Leopardi e via Galliano. E proprio in quest’ultima strada del centro a una donna è stata rubata una borsa. Alcuni sangiorgesi hanno notato un ragazzino, ben vestito, aggirarsi tra le vie con, sotto braccio, la testa di un manichino con indosso una parrucca. Ma non si tratta di ‘semplice’ stravaganza. Quel ragazzo suonava ai citofoni delle case per cercare di vendere la parrucca. Case soprattutto abitate da anziani. In una di queste, però, si è imbattuto in un parente di un’anziana che ha subito allontanato il giovane dicendogli che non erano minimamente interessati a quella parrucca.

Poi, però, da lì a pochi minuti tra le vie perpendicolari e le parallele del viale della Stazione si è diffusa la notizia di un furto. Proprio un ragazzo con manichino e parrucca al seguito, infatti, si è presentato alla porta di una casa dove vi erano un anziano e la badante. La donna ha detto a quel giovane che non era interessata all’acquisto di quella parrucca ma il giovane, con un gesto fulmineo, le ha rubato la borsa con all’interno  del denaro, documenti di identità e un cellulare, e, dopo aver arraffato una borsa, è scappato a gambe levate. La donna ha sporto denuncia ai carabinieri, subito al lavoro per identificare quel malvivente. Non solo un lavoro mirato al caso specifico, quello dei militari dell’Arma, ma generalizzato nel tentativo di contrastare furti, raggiri, truffe, soprattutto a danno di anziani che, nel periodo estivo, vuoi per qualche finestra lasciata aperta, vuoi magari anche per un ‘surplus’ di microcriminalità sulla costa, registrano sistematici picchi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X