facebook twitter rss

Barriere antirumore, plauso dei Comitati
per lo stop al progetto Rfi:
“Vigileremo sulle prossime decisioni”

MARCHE - Secondo il Coordinamento dei Comitati “No al Muro, Sì al Mare” occorre un provvedimento legislativo urgente che consentirebbe a RFI di procedere alla stesura di un nuovo progetto
Print Friendly, PDF & Email

Il Coordinamento dei Comitati “No al Muro, Sì al Mare” ha preso atto con soddisfazione che la Regione Marche ha rinnovato il proprio impegno a respingere il progetto di RFI di costruire le barriere antirumore lungo la costa, in corrispondenza dei paesi che si affacciano sul mare.

“In una riunione convocata dalla vice presidente Anna Casini, con la presenza di tutti i Comuni e del presidente dell’ANCI regionale – ricordano i membri del Comitato – è stato ribadito che RFI dovrà presentare un progetto che sia in linea con le nuove realtà tecnologiche già adottate in tutta Europa, che consentano di tutelare il paesaggio e la salute dei cittadini con una spesa largamente inferiore rispetto a quella preventivata per le barriere”.

Il Coordinamento dei Comitati si è assunto l’impegno di vigilare sull’applicazione puntuale delle decisioni, ricordando come occorra un provvedimento legislativo urgente che consentirebbe a RFI di procedere alla stesura di un nuovo progetto, tenendo conto delle caratteristiche innovative riguardanti l’abbattimento dell’inquinamento acustico applicate sui treni passeggeri e sui terni merci nei prossimi anni, così come previsto anche dalla legislazione attuale.

“Riteniamo importante che i Comuni appoggino con la loro presenza il Comune di Mondolfo, che è stato convocato dal MIT il 9 luglio prossimo per la Conferenza di Servizi sia in via formale che informale, e auspica che la stessa iniziativa sia attivata per ogni Comune che sarà chiamato alla CdS”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X