fbpx
facebook twitter rss

Barriere antirumore Rfi:
Regione e Anci chiedono un incontro
ai ministri Toninelli, Bonisoli e Costa

MARCHE - La richiesta è stata cofirmata dalla vicepresidente della Regione, Anna Casini, e dal presidente Anci Marche, Maurizio Mangialardi
giovedì 11 Luglio 2019 - Ore 16:29
Print Friendly, PDF & Email

 

Anna Casini e Maurizio Mangialardi

“Regione e Anci Marche hanno formalmente chiesto un incontro urgente ai ministri dei Trasporti Danilo Toninelli, dei Beni culturali Alberto Bonisoli e dell’Ambiente Sergio Costa sui progetti di barriere acustiche presentati da Rfi (Rete Ferroviaria Italia). La lettera – spiegano dalla Regione – è stata firmata dalla vicepresidente della Regione Anna Casini e dal presidente Anci Marche Maurizio Mangialardi”.

Tali progetti – scrivono – hanno sollevato forti malumori e sono state evidenziate molte criticità da parte delle comunità locali della riviera marchigiana e delle amministrazioni locali, soprattutto riguardo agli aspetti paesaggistici e ambientali, intimamente legati alla forte vocazione turistica dei luoghi”. Richiamando il confronto che si è svolto, in Regione, il 28 giugno scorso, con i Comuni costieri, Casini e Mangialardi chiedono un “incontro congiunto tra Ministeri, Anci Marche (in rappresentanza dei Comuni marchigiani) e Regione Marche per cercare una soluzione condivisa su tale importante e complessa problematica”.

A Roma – aggiungono dalla Regione – verrà ribadita la posizione concordata con le amministrazioni locali: scelte condivise e soluzioni tecniche compatibili con le peculiarità territoriali. Si cercherà un confronto sulla base del documento preparato dall’Anci e portato all’attenzione della prima Conferenza dei servizi del 9 luglio che ha interessato il Comune di Mondolfo. La Regione ha già chiarito la propria posizione, contraria alle barriere antirumore, con una recente deliberazione nella quale, sempre a proposito del progetto Mondolfo, ha individuato sette criticità: dalla ‘non conformità urbanistica’ delle soluzioni prospettate, alla ‘non osservanza delle indicazioni date dalla Conferenza unificata’, al non rispetto della distanza dagli edifici, al forte impatto economico sulla vocazione turistica delle località, alla mancata individuazione di soluzioni alternative, alla forte incidenza sul paesaggio e sulla qualità di vita degli abitanti”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page



1 commento

  1. 1
    Giancarlo Antognozzi il 12 Luglio 2019 alle 10:12

    Buon giorno, espongo la mia idea per la tranquillita’ costiera. Arretrare l’autostrada, la stessa diventare ferrovia, l’attuale ferrovia un’ulteriore via cittadina. Saluti, Antognozzi Giancarlo.

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X