facebook twitter rss

Il futuro di Montegranaro,
terminati i lavori alla palestra San Liborio,
annunciata la data d’inaugurazione

MONTEGRANARO - Sul plesso di Santa Maria i tempi paiono destinati a dilazionarsi:«Stiamo aspettando risposte dall’Ufficio Ricostruzione per poter iniziare la seconda fase dei lavori, quella che prevede sistemazione generale ed efficientamento energetico e che è finanziata con 350 mila euro dai fondi del sisma
venerdì 12 Luglio 2019 - Ore 13:07
Print Friendly, PDF & Email

 

 

di Marco Pagliariccio

Un classico della Festa Tricolore, all’Arena Estate, la serata del dibattito con l’amministrazione comunale. Una tradizione che si è rinnovata ieri sera con la presenza della giunta Mancini al gran completo e anche di diversi consiglieri comunali alla manifestazione organizzata dal gruppo del vicesindaco Endrio Ubaldi Liberi Per Montegranaro.

L’intervento più interessante è stato sicuramente quello dell’assessore ai lavori pubblici Aronne Perugini che, dopo aver snocciolato la sua analisi del voto di un mese e mezzo fa, ha fatto il punto sui cantieri aperti in città, partendo da una quasi certezza: la conclusione dei lavori per la realizzazione della palestra polivalente a San Liborio, che dovrebbe essere inaugurata sabato 27 luglio. «Mancheranno le piantumazioni, che verranno effettuate più avanti, ma ormai siamo ai ritocchi – ha confermato Perugini – per l’inaugurazione faremo una grande festa con tutte le società sportive giovanili della città».

Dopo la nuova palestra, dove troveranno spazio principalmente calcio a 5 e basket giovanile ma che con il suo parco circostante rappresenta anche un nuovo polmone verde per la città, il prossimo obiettivo ad essere centrato sarà quello del parco in via Baden Powell, per il quale i cittadini avevano suscitato delle preoccupazioni visti i diversi giorni di non lavoro da parte della ditta. «Tutto normale, hanno dovuto dislocare alcune forze su altri cantieri ma siamo ampiamente nei tempi – ha ribadito l’assessore – ci hanno detto che potrebbero farcela a chiudere il cantiere tra fine luglio ed inizio agosto, ma se si dovesse slittare oltre le festività per avere tutto sistemato al meglio non vediamo problemi particolari».

Le situazioni più delicate restano quelle relative al parcheggio Wojtyla e alla scuola Santa Maria. «Avevamo dato un ultimatum all’impresa che si è aggiudicata i lavori di iniziare entro oggi – ha detto ieri sera Perugini riguardo ai lavori di consolidamento di cui necessita il piazzale a due passi dalla chiesa di San Liborio – non l’hanno fatto nonostante le rassicurazioni, per cui restiamo sempre più convinti di voler andare alla risoluzione del contratto e di passare alla ditta che era arrivata seconda in graduatoria. Perderemo ulteriore tempo, ma non dipende da noi purtroppo».

Sul plesso di Santa Maria i tempi paiono destinati a dilazionarsi:«Stiamo aspettando risposte dall’Ufficio Ricostruzione per poter iniziare la seconda fase dei lavori, quella che prevede sistemazione generale ed efficientamento energetico e che è finanziata con 350 mila euro dai fondi del sisma – ha spiegato l’assessore – noi abbiamo chiesto che possano essere eseguiti dalla stessa ditta che ha realizzato il primo stralcio, che era stato finanziato con 580 mila euro del Miur. Non si potrebbe fare, perché la legge prescrive si debba fare una nuova gara. L’abbiamo richiesto perché i lavori sono in continuità e questo ci permetterebbe di ultimarli per l’inizio dell’anno scolastico. Se la nostra richiesta fosse negata allora i tempi slitterebbero di almeno 3-4 mesi». Prossimo obiettivo la riqualificazione del Villaggio dello Sport. «Si potrebbe partire in un paio di settimane, ma visto che la zona è molto frequentata nel periodo estivo potremmo anche valutare di far slittare l’inizio dei lavori a settembre», ha chiuso Perugini.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X