facebook twitter rss

Nuovo ospedale di Amandola,
approvato il progetto esecutivo
A settembre la gara di appalto

SANITÀ - La comunicazione ufficiale dalla Regione Marche è arrivata nella mattinata di lunedì 22 luglio. La soddisfazione del sindaco Marinangeli
Print Friendly, PDF & Email

foto Andrea Vagnoni

È stato approvato il progetto esecutivo per la realizzazione del nuovo ospedale di Amandola. Un traguardo importante per la città e per la sua Amministrazione comunale. La comunicazione ufficiale dalla Regione Marche è arrivata nella mattinata di lunedì 22 luglio, ma già da giorni negli uffici del Comune si aspettava l’attesa notizia. Nel frattempo l’Amministrazione comunale ed i rispettivi tecnici avevano lavorato agli ultimi rilevamenti nell’area di costruzione del nuovo nosocomio, così da completare tutti gli step propedeutici richiesti, come la verifica preventiva della presenza di ordigni bellici o di interesse archeologico o il parere definitivo dell’Anac per il completamento dell’iter amministrativo.

Il Decreto delle Regione Marche n. 47 del 22 luglio è stato presentato ed illustrato nel dettaglio nell’ultimo Consiglio comunale, svoltosi sempre lunedì. “Ci siamo finalmente, l’iter è completato ed il tutto è stato decretato. Ci siamo riusciti”. Queste le prime parole del sindaco Adolfo Marinangeli, che ha poi continuato: “E’ un sogno che diventa realtà. Abbiamo voluto ottenere questo grandissimo risultato e con impegno, dedizione e tanto lavoro abbiamo raggiunto la nostra prima meta. Ora ce ne aspettano tante altre, ma con altrettanta costanza ed unione arriveremo anche a quelle. La prossima sarà la gara di appalto a livello europeo, già predisposta ed avviata, che verrà aperta entro i primi giorni di settembre. Un importante risultato raggiunto grazie soprattutto alla determinazione ed impegno del presidente Ceriscioli, della sua squadra e di molti dirigenti e tecnici regionali che si sono assiduamente impegnati in tal senso”.

L’intero progetto prevede un investimento di 18,8 milioni di euro, che comprende anche la donazione di 5 milioni di euro giunta ad Amandola dopo il sisma del 2016 dalla Rosneft, società petrolifera russa.

“Questa importante opera pubblica sarà la più grande dell’era moderna della città e la più importante dell’intera zona montana – aggiunge Marinangeli -, ma sarà anche la più grande tra tutte le opere pubbliche della ricostruzione post-sisma e punto di riferimento per tutti i Comuni limitrofi del versante est del Parco nazionale dei monti Sibillini”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X