facebook twitter rss

Andrea Bruniera per
l’U17 della Fermana

SERIE C - Il trevigiano classe '64, dopo le esperienze da giocatore, mister degli allora Allievi e soprattutto al seguito della salvezza conquistata ai playout seduto sulla panchina della Prima squadra nel 2003/04, torna in gialloblù come trainer dei giovani canarini
Print Friendly, PDF & Email

Il responsabile del settore giovanile canarino, Tubaldi, con il neo tecnico dell’Under 17, Bruniera

FERMO – La Fermana comunica di aver affidato la panchina dell’Under 17 ad Andrea Bruniera, trevigiano classe 1964, che torna a Fermo per la quarta volta in carriera.

La prima da giocatore canarino tra il 1997 e il 1999. Poi la doppia esperienza in panchina prima con gli Allievi, appena appese le scarpette al chiodo, e successivamente il ritorno nel 2003/04 stavolta in prima squadra con la salvezza raggiunta ai playout dopo essere subentrato in corso d’opera. Successivamente tante esperienze come vice e collaboratore tecnico tra Verona, Albinoleffe, Piacenza, Livorno e Portogruaro.

“L’Under 17 è una categoria appena sotto quell’età in cui si sta per arrivare nel calcio vero. Sarà un gruppo già formato e con qualità, in quella fase che ascoltano ancora bene quel che dici e sono predisposti a seguirti. Una esperienza bella, interessante e stimolante, con ragazzi che sono molto vicini a capire se la strada che stanno per intraprendere è vicina al professionismo oppure guarda in altre direzioni. Un momento delicato dal punto di vista psicologico e formativo. Chi fa questo sport ha dei sogni e chi arriva qui vede il concretizzarsi molto vicino: questo è il maggiore stimolo per me che devo guidarli. Nella mia testa ho grandi sensazioni e la voglia di vederli subito all’opera già dal 5 agosto perché non vedo l’ora di vivere quel rettangolo verde. Per me la Fermana è un ritorno al passato: sono stato qui da calciatore e allenatore, anche nel settore giovanile, sono colori che ho nel cuore e porto sempre con me. Non ho avuto alcun problema ad accettare la proposta canarina perchè c’è da costruire qualcosa di importante e sono ben felice di farlo qui. Mi hanno dato una grande possibilità che sarebbe stato sciocco lasciarsi sfuggire”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X