facebook twitter rss

Tartaruga morta
a 50 metri dalla riva

MARE - La carcassa è stata rinvenuta intorno alle 11,45 di questa mattina davanti all'Amni, a Porto Sant'Elpidio. La guardia costiera si è occupata dallo smaltimento
Print Friendly, PDF & Email

 

La carcassa della tartaruga

di Andrea Vergari

Triste scoperta questa mattina, a Porto Sant’Elpidio, dove una tartaruga marina è stata trovata morta. A rinvenire la carcassa, intorno alle 11,45, è stato Leister Fiumaroli, bagnino della cooperativa Cluana Nantes, che presta servizio nei primi tre stabilimenti lungo la Faleriense. «La mia torretta di guardia è proprio nel mezzo – spiega – all’interno dell’Amni, una spiaggia privata per marinai. Ho ricevuto la segnalazione da un ragazzo che stava uscendo con il suo catamarano: lungo il corridoio di lancio, dove entrano ed escono barche, galleggiava qualcosa». «La carcassa era a circa 50 metri dalla riva – racconta Leister -. Il ragazzo, che era già in acqua, l’ha riportata a riva. Solo allora abbiamo capito si trattasse di un esemplare di tartaruga marina». I due non hanno potuto far altro che constatare la morte dell’animale e avvisare la Guardia Costiera del ritrovamento: «Speravamo di poterla salvare – ammette il bagnino -. Probabilmente avrà perso la rotta. Era gonfia, con una piccola ferita lungo la parte destra del collo. Abbiamo coperto la carcassa e atteso l’arrivo degli uomini della capitaneria di Porto San Giorgio». Un episodio quantomai inusuale, viste le grandi dimensioni della tartaruga: «Nel giro di pochissimi minuti – dice Leister – si sono avvicinate diverse di persone, tutte incuriosite dal ritrovamento. Molti bambini era la prima volta che vedevano un animale come questo sulle nostre spiagge».

 

Leister Fiumaroli al momento del ritrovamento

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X