facebook twitter rss

Raffica di furti in campagna,
cane “salva” una villetta
Anziano scambia i carabinieri per ladri

RAID tra Civitanova e Montecosaro. Almeno tre i colpi andati a segno. Un 77enne è stato alleggerito del portafoglio senza accorgersene ma quando ha visto i militari, in servizio di controllo, ha pensato fossero dei malviventi. Sventato un furto in una abitazione, viste 4 persone fuggire
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Furti a raffica fra le campagne in contrada Piane Chienti, fra Civitanova e Montecosaro. Cani mettono in fuga alcuni malviventi che volevano entrare in una villetta.

Almeno 3 i colpi messi a segno ieri pomeriggio nelle campagne, tutti piccoli furti ai danni di famiglie della zona. In un caso un anziano di 77 anni ha creduto di essere stato derubato da alcuni finti carabinieri, in realtà i militari erano veri e stavano proprio effettuando un servizio di controllo nella zona dopo le segnalazioni di personaggi sospetti.

L’anziano però, che non si era accorto di essere già stato derubato del portafogli lasciato nel capanno attrezzi, ha pensato che quella “visita” dell’Arma fosse fittizia e che dietro quegli uomini si nascondessero invece dei truffatori. In realtà invece anche lui era stato vittima dei ladri che poco prima avevano derubato i suoi vicini. Sventato invece questa mattina all’1 grazie alla presenza dei cani un furto all’interno di una villetta di contrada Castelletta, sempre tra Civitanova e Montecosaro. All’interno della bifamiliare i residenti sono stati svegliati dall’abbaiare dei cani che hanno messo in fuga i rapinatori. I proprietari hanno notato la banda, composta da 4 persone che scappava. I ladri si erano introdotti dal cancello della villetta quando gli animali hanno cominciato ad abbaiare e ringhiare facendoli scappare a gambe levate. I carabinieri raccomandano massima allerta e di segnalare sempre al 112 la presenza di auto e persone sospette.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti