facebook twitter rss

L’appello di Fratelli d’Italia a Conte:
“La Mare-Monti nel Contratto
istituzionale di Sviluppo”

TERRITORIO - "Trattandosi dei territori del Cratere si potrebbe ipotizzare l’inserimento del tronco che va da Magliano di Tenna-Montegiorgio fino Amandola-Montefortino"
Print Friendly, PDF & Email

“Il Presidente del Consiglio Conte nel corso della sua visita alle aree colpite dal sisma ha fatto un’apertura al Contratto Istituzionale per l’area del cratere per rilanciare il sistema economico e sociale dei territori così gravemente colpiti da una catastrofe naturale e provati duramente da uno spopolamento preesistente, infrastrutture inadeguate (dichiarazioni dei deputati M5S Terzoni e Lorenzoni).” Inizia così l’intervento degli esponenti di Fratelli d’Italia Rossano Romagnoli e Saturnino Di Ruscio in materia di infrastrutture territoriali.

“Il Contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) – spiegano –  è lo strumento per accelerare la realizzazione di progetti strategici tra loro connessi e di valorizzazione dei territori. Rientrano in tale ambito i progetti di infrastrutturazione, sviluppo economico, produttivo e imprenditoriale, turismo, cultura, ecc. Con i CIS le risorse sono concentrate per la realizzazione di una grande infrastruttura a valenza nazionale o interregionale verso una logica per macro-aree.
Da anni sentiamo parlare della infrastruttura viaria denominata “Mare-Monti” che collega la costa fermana (casello autostradale Porto Sant’Elpidio) con i Monti Sibillini (Amandola) e si interconnette con la pedemontana che ci collega da una parte con l’Umbria e dall’altra con l’Abruzzo e il Lazio. Il Cosif aveva elaborato d’intesa con il Comune di Fermo (allora Sindaco Di Ruscio) lo studio di fattibilità e il progetto preliminare con i fondi del PRUSST, programma portato avanti dalla precedente amministrazione. Trattandosi dei territori del Cratere si potrebbe ipotizzare l’inserimento del tronco che va da Magliano di Tenna-Montegiorgio fino Amandola-Montefortino. D’altronde è l’unica Provincia delle Marche a non avere una via decente di collegamento con la zona montana e anche indirettamente con la Capitale.  La delegazione comunale di FDI si rende disponibile a supportare, unitamente anche alle altre forze politiche eventualmente interessate, i Sindaci dei comuni del fermano posti all’interno del cratere per attivare le procedure affinché l’infrastruttura Mare-Monti venga inserita all’interno del CIS e diventi finalmente non un sogna ma realtà.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti