facebook twitter rss

Banca Macerata a vele spiegate:
sfiora i 2 milioni l’utile, +10% le azioni

CREDITO - Presentato il bilancio del primo semestre 2019, il presidente Cavallini come prima cosa ha voluto ricordare Cesanelli. Poi ha aggiunto: «Questi positivi risultati sono una costanza del nostro cammino, che ci vede agire con un preciso modello di fare banca. Noi non vendiamo prodotti, ma diamo consulenza ai nostri clienti, siano essi imprenditori o famiglie, giovani o pensionati». Nuova apertura a Civitanova, entro la primavera 2021 sede centrale sulla Carrareccia
Print Friendly, PDF & Email

 

Rodolfo Zucchini, Ferdinando Cavallini, Nando Ottavi

 

di Mauro Giustozzi (foto Fabio Falcioni)

Una banca smart, giovane, ma anche tradizionale, che riconferma con il bilancio del primo semestre 2019 la sua crescita con numeri significativi, rappresentati dal deciso incremento dei volumi e dall’importante aumento delle risultanze della parte strutturale del conto economico. A comunicare questi brillanti risultati ottenuti da Banca Macerata, l’unico istituto di credito che ha radici ben salde nel nostro territorio, sono stati il presidente Ferdinando Cavallini, il vice Nando Ottavi e il direttore generale Rodolfo Zucchini. Tutte le voci registrano un significativo risultato positivo, in particolare l’utile netto che è risultato pari a 1,9 milioni di euro per un Roe (indice di redditività del capitale proprio) del 4,9%. Il patrimonio netto al 30 giugno scorso si è attestato a 38,1 milioni di euro il che ha comportato anche un aumento del valore unitario delle azioni che ha raggiunto il valore di 111 euro, una performance del +10% sul valore nominale della stessa azione e con discreti margini di aumento.

Ferdinando Cavallini

Prima di entrare nel merito dei dati di bilancio Ferdinando Cavallini ha voluto ricordare la recente scomparsa di Piero Cesanelli «un’eccellenza assoluta, una grave perdita culturale per il territorio». Poi ha ricordato quelle che sono le peculiarità di Banca Macerata ed i suoi risultati positivi conseguiti negli ultimi anni. «Questi positivi risultati di bilancio sono una costanza del nostro cammino –ha affermato Cavallini- che ci vede agire con un preciso modello di fare banca. Noi non vendiamo prodotti, ma diamo consulenza ai nostri clienti, siano essi imprenditori o famiglie, giovani o pensionati. Banca Macerata è un istituto che, come gli altri, deve guardare al digitale ma non trascura di fornire quei servizi tradizionali che la clientela ci chiede. Quindi non sostituiremo mai i cassieri con la macchina, ma saremo accanto alla clientela come dimostra anche quello che abbiamo fatto a Fiuminata e Serrapetrona quando altri istituti di credito si sono ritirati. E come testimoniano le 5 assunzioni di personale fatte nel primo semestre del 2019 che hanno portato a 70 il numero dei dipendenti, molti dei quali provenienti dal nostro stesso territorio. Il rapporto fisico col cliente resta una priorità accanto al quale si sviluppa la remote banking che dobbiamo praticare per stare al passo con le esigenze della modernità». Il direttore generale Rodolfo Zucchini ha sciorinato poi quelli che sono i numeri positivi del primo semestre 2019 della banca. «Rispetto al 2018 –ha detto Zucchini- la raccolta da clientela è aumentata del 10%: i crediti erogati a famiglie e pmi hanno segnato un +4%. Il margine di interesse è aumentato dell’8% dentro al quale c’è il costo strutturale del funzionamento di Banca Macerata, mentre le commissioni nette sono cresciute di oltre il 12,5% a fronte di costi operativi aumentati del 5,8%. Il che dimostra una migliorata efficienza aziendale. Voglio ancora ricordare come continuano a diminuire le partite deteriorate che ora sono il 12,7% in rapporto al totale lordo dei crediti. Fino al 2016 erano oltre il 28% degli impieghi. Il quadro generale mostra una Banca Macerata in salute, patrimonializzata, il Cet 1 è oramai stabilizzato in misura superiore al 15%, che produce reddito stabile e riceve sempre maggiori consensi dal territorio e dai clienti».

Nando Ottavi

Il vice presidente Nando Ottavi ha ricordato come «Banca Macerata abbia dato risposte importanti ad un tessuto produttivo alle prese con una grave crisi che, nelle Marche, ancora si sente pesantemente. L’idea originaria degli 800 azionisti che la fondarono è premiata dallo sviluppo dell’istituto di credito i cui utili, in questi anni, hanno visto solo il 30% ripartito e ben il 70% trasferito al capitale della banca. Credo che Banca Macerata abbia dato molto al territorio in termini di servizio, capillarità e credito. Se il territorio ci darà una mano costruiremo una banca sempre più forte». Sotto questo aspetto il presidente Ferdinando Cavallini ha poi annunciato la prossima apertura di un punto di consulenza a Civitanova, in via Veneto, che si affianca alla filiale già presente e che offrirà nuove metodologie alla clientela. «Entro fine anno sarà operativo questo moderno punto di consulenza, cui seguirà in futuro una simile apertura ad Ancona –ha detto il presidente- dove da un lato ci sarà un locale con un bancomat evoluto aperto a tutti, anche clienti di altre banche, ed un secondo locale dedicato invece ai nostri clienti che potranno accedere anche ad una consulenza da remoto con nostri incaricati. Insomma in questo modo applicheremo sempre e ancora di più lo slogan che ci contraddistingue e cioè Banca Macerata, dove vuoi, quando vuoi. Sul fronte della nuova sede che sarà costruita lungo la strada Carrareccia siamo alla fase del progetto esecutivo che presenteremo non appena avverrà l’approvazione finale. Confermo che entro la primavera del 2021 quella sarà la nuova sede di Banca Macerata». Da segnalare, infine, il rinnovato impegno dell’istituto di credito a favore di un’educazione finanziaria e introduzione al risparmio verso le nuove generazioni. Dopo il progetto sperimentale di lezioni in alcuni istituti superiori di Tolentino e Civitanova nel 2018 quest’anno l’esperienza si ripeterà coinvolgendo anche la ragioneria di Macerata e il Coreutico di Tolentino.

Rodolfo Zucchini

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti