facebook twitter rss

Quattro furti al Matilda
negli ultimi due mesi
“Così non si può lavorare”

PORTO SAN GIORGIO - Il ristorante pizzeria Matilda ancora nel mirino dei ladri. E' il quarto furto in poco più di due mesi. Lo sfogo di uno dei due titolari. "Così non si può più lavorare. E' diventato impossibile",
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi

Quattro furti in poco più di due mesi. Per i titolari del ristorante pizzeria Matilda sul lungomare centro non c’è pace. L’ultimo è stato messo a segno la scorsa notte. Ad accorgersi di quanto era accaduto è stato Giorgio Damiani, uno dei gestori del noto locale di Porto San Giorgio. “Oggi siamo chiusi per turno -racconta- quindi mi sono recato al ristorante solo nel pomeriggio. Appena arrivato mi sono subito accorto che qualcosa non andava. Una delle porte antipanico era stata forzata”. Da lì sono entrati i ladri che hanno agito in pochissimi minuti, il tempo strettamente necessario per asportare del contate dalla cassa, prelevare i palmarini utilizzati dal personale per le ordinazioni ed un cassetta di sicurezza. Un bottino da poco più di 300 euro. “Quello che invece pesa è il danno subito dalla porta. Si aggira intorno ai 3mila euro” prosegue Damiani. Oltre al danno quindi la beffa. E non è la prima volta per il Matilda che ha subito altri tre furti dal mese di agosto. “Lavorare in queste condizioni è proibitivo -lo sfogo di Damiani- siamo in balia di una microcriminalità che non teme nulla. Mentre noi esercenti dobbiamo sempre stare in allerta. Mi chiedo cosa accadrà adesso che si va incontro all’autunno ed il lungomare si spopola definitivamente. I nostri locali saranno ancora più esposti anche agli atti vandalici”. Sul posto una pattuglia dei Carabinieri di Porto San Giorgio. “Affrontare l’inverno sul mare è quasi una sfida -chiosa Damiani- non so neanche quale possa essere una soluzione per arginare il fenomeno, ma forse si potrebbe cominciare dal potenziamento della illuminazione pubblica”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti