facebook twitter rss

Via Diaz, un anno dopo la morte di Adriana
“Nulla è cambiato per la nostra sicurezza”

FERMO - Proprio davanti a quell'attraversamento pedonale dove morì la 73enne fermana campeggia un manifesto affisso dal marito
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

Pochi giorni fa in via Diaz a Fermo si è materializzata una novità: all’inizio e alla fine della discesa, infatti, sono stati apposti dei cartelli stradali che invitano gli automobilisti a rallentare. E gli stessi cartelli sono stati fissati in prossimità delle strisce pedonali dove, esattamente un anno prima, era stata investita ed uccisa la 73enne Adriana Paniccià. Ma proprio davanti a quell’attraversamento pedonale campeggia un manifesto, affisso dal marito Enzo Campacavallo: “Un anno è passato!!! Nonostante le promesse nulla è cambiato per la sicurezza di noi cittadini”.

“Si tratta di una sollecitazione all’Amministrazione comunale – spiega Enzo – affinché onori le promesse fatte, e vuole essere una ulteriore denuncia ed un ulteriore richiamo alla pericolosità ed allo stato di abbandono della via. In questo anno nulla è cambiato per la nostra sicurezza”.

Enzo, ancora segnato dalla tragedia, è stato più volte ricevuto dall’Amministrazione comunale. “Ho richiesto anche di indire un’assemblea pubblica con i residenti di Via Diaz per dibattere le esigenze degli stessi, ma mi/ci è stata negata; ho richiesto la presenza dei Vigili urbani per controllare e far rispettare i limiti di velocità (che è uno dei maggiori problemi della via), ma mi è stato risposto che c’è carenza di personale; ho richiesto che la via diventasse a senso unico ma ciò ‘non è possibile’. Lo stesso Assessore ha promesso che avrebbe fatto entro marzo/aprile (Ma di quale anno? Uno è già passato) qualcosa. A questo punto mi sono organizzato da solo: a modo mio e con strumenti relativamente semplici ho provato a dare un segnale, per ricordare agli automobilisti e all’Amministrazione comunale che in questa città esistono anche i pedoni, esiste Via Diaz, esistono i cittadini tutti”.

IL DRAMMA DI VIA DIAZ Lo sfogo del vedovo di Adriana Paniccià: “Sicurezza, ad un mese dall’incidente nulla è cambiato”

Investita in via Diaz, Adriana Paniccià non ce l’ha fatta

Donna investita in via Diaz, soccorsa dalla Croce verde: è grave


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti