facebook twitter rss

“Nessuna centralina per il rilevamento della qualità dell’aria nella nostra provincia”, la protesta del Coordinamento Ambientalista del Fermano

LA PROTESTA: "In tutte le tabelle di rilevamento dell’inquinamento dell’aria, edita dalla Rete Regionale della Qualità dell’Aria, e suddivise per tipologia di fattori inquinanti, la provincia di Fermo non compare MAI. Facciamo parte della stessa regione, ma forse non respiriamo la stessa aria?"
Print Friendly, PDF & Email

Il Coordinamento Ambientalista del Fermano chiede l’installazione nel territorio fermano di una centralina per il monitoraggio dell’aria.  “La rete regionale della qualità dell’aria della Regione Marche, per il tramite dell’ARPAM – spiega il coordinamento –  ha provveduto a diffondere i dati riguardo le polveri sottili presenti nelle città della nostra Regione. I dati sono disponibili su una pagina WEB e quindi accessibili a tutti. Fermo e tutto il territorio provinciale non fruisce di questo servizio che si ritiene debba essere attivato nelle zone soggette a più intenso traffico della città e del territorio. Uno studio minuzioso e continuo deli livelli di inquinamento dell’aria permetterebbe di perseguire politiche ed obiettivi di miglioramento ambientale”.

Comitato che spiega: “Fermo e tutto il territorio provinciale, a differenza di tutte le altre provincie delle Marche e di città come Civitanova Marche, San Benedetto del Tronto, Fano, Jesi. ecc. non ha nessuna centralina fissa di rilevamento della qualità dell’aria . E’ questo che il Coordinamento Ambientalista del Fermano ha rilevato, sperando ovviamente di essere smentito. Il Coordinamento stesso, trovandosi in condizione di verificare se potessero esserci problemi nei punti nevralgici della città, soprattutto in orari di traffico intenso, ha cercato di attingere dati dalle centraline di rilevamento ARPAM. Ed è stato proprio consultando il sito ARPAM della Regione Marche che emerge l’esistenza di 4 centraline di rilevamento nella provincia di Ascoli Piceno, 3 nella provincia di Macerata, 9 nella provincia di Ancona, 3 nella provincia di Pesaro-Urbino, 0 nella provincia di Fermo. La mancanza di un qualsiasi mezzo di rilevamento della qualità dell’aria nella nostra provincia è inverosimile oltre che inquietante. Impossibile non considerare la qualità dell’aria in prossimità dell’ospedale di Fermo, il più grande ed importante della provincia e di un complesso scolastico formato dall’ITI Montani, dall’IPSIA e, nell’immediato futuro, da due Scuole Medie”.

Comitato che conclude: “In tutte le tabelle di rilevamento dell’inquinamento dell’aria, edita dall’R.R.Q.A (Rete Regionale della Qualità dell’Aria), e suddivise per tipologia di fattori inquinanti, la provincia di Fermo non compare MAI. Facciamo parte della stessa regione, ma forse non respiriamo la stessa aria? Uno degli scopi degli inventari delle emissioni è quello di consentire ai cittadini di conoscere l’impatto in aria delle attività umane nelle rispettive residenze o luoghi dove si svolgono le normali attività. I cittadini di Fermo e della sua provincia a chi devono rivolgersi se anche in rete non esistono dati di sorta e non è possibile fare le dovute comparazioni al fine di eventuali provvedimenti?”

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X