facebook twitter rss

Oltre quattro mila interventi sul territorio
Estate “rovente” per la Croce Azzurra

PORTO SAN GIORGIO - Quattro mesi in prima linea. Il Presidente della Croce Azzurra di Porto San Giorgio ha tracciato questa mattina un bilancio della stagione estiva. Oltre 4mila gli interventi sul territorio.
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi

Un’estate calda quella appena trascorsa per la Croce Azzurra di Porto San Giorgio. E non certo, o meglio, non solo dal punto di vista meteorologico. Sono i numeri a parlare. Quelli che il suo Presidente, Gilberto Belleggia, ha presentato questa mattina in conferenza stampa. Occasione per fare il punto del lavoro svolto dagli oltre sessanta volontari in quattro mesi, dal 1 giugno al 30 settembre. Mesi, per l’appunto, caldi per le pubbliche assistenze alle prese con scenari molto diversi da quelli invernali ed autunnali. La popolazione aumenta per la presenza dei turisti, il traffico si intensifica sulle principali arterie stradali, la notte si vive di più. Ed ecco allora che in 120 giorni la Croce Azzurra rivierasca ha svolto qualcosa come 4.189 servizi e “macinato” la bellezza di 127.499 chilometri con le due ambulanze preposte. Una, in particolare, dedicata prioritariamente al servizio di soccorso in spiaggia nell’ambito del progetto voluto dal sindaco Nicola Loira ed al quale prendono parte pure l’Asur, il 118, la Protezione civile, le forze dell’ordine.

Sono state invece 1.385 le urgenze a cui la Croce Azzurra ha fatto fronte affiancando l’automedica. “A tutto ciò si aggiungono i servizi tradizionali -ha rimarcato Belleggia- o secondari, mi riferisco ai trasporti, alla fisioterapia, ai trasferimenti, ai ricoveri, alle visite fiscali e private”. Insomma quando c’è bisogno la Croce Azzurra risponde ed è sempre presente. Lunedì 14 ottobre inizierà il 46° corso di primo soccorso presso la sede in via A. Costa. Si parlerà di apparato respiratorio, circolatorio, di traumatologia, ustioni, malattie infettive e sistemi di defibrillazione. “Invito la cittadinanza ad essere presente ed a partecipare perché il corso può effettivamente essere utile in ogni momento della vita” ricorda ancora il Presidente del sodalizio. Immancabile però l’appello ai sangiorgesi ad essere vicini alla Croce Azzurra anche con qualche donazione per supportare le preziose attività svolte in maniera volontaria. Una realtà che va quindi sostenuta perché punto di riferimento della comunità sangiorgese.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti