fbpx
facebook twitter rss

PAURA IN STRADA
Si schianta sul marciapiede,
l’auto si ribalta (Le Foto)

PORTO SAN GIORGIO - La vettura, una Fiat Panda alimentata a metano, è finita sul marciapiede di via Oberdan che attraversa via xx settembre. L'uomo è stato soccorso dai militi della Croce azzurra Porto San Giorgio. Con loro, sul posto, i vigili del fuoco e la polizia stradale
Print Friendly, PDF & Email

di Giorgio Fedeli

Paura questa sera, intorno alle 21,30 tra via xx settembre e via Oberdan per un’auto che si è schiantata e ribaltata sul marciapiede davanti all’arena Europa. Alla guida della vettura un uomo di quasi 80 anni che è stato immediatamente soccorso e trasportato all’ospedale per accertamenti. Le sue condizioni fortunatamente non sembrano destare particolare preoccupazione.

Stando a una prima, sommaria, ricostruzione dell’accaduto, l’auto, una Fiat Panda a metano, stava viaggiando in direzione nord quando, a fine via xx settembre, invece di girare verso sinistra imboccando il sottopasso di via Oberdan, si è schiantata sul marciapiede, ribaltandosi. Fortuna, o forse meglio dire miracolo ha voluto che in quel momento nessuno si trovasse a passare sul marciapiede o ad attraversare via xx settembre. “E’ stato un miracolo”, appunto, il commento unanime di quanti si sono riversati in strada richiamati dal fragore dello schianto, e di quanti, lungo la via, hanno evitato di essere falciati dalla vettura.

Lanciato l’sos alla centrale operativa del 118 di Ascoli Piceno, sul posto sono arrivati a sirene spiegate i sanitari della Croce azzurra di Porto San Giorgio, i vigili del fuoco di Fermo e la polizia stradale della sezione fermana. I primi si sono subito presi cura dell’anziano al volante, soccorso, subito dopo l’impatto, da alcuni militari del Circomare di Porto San Giorgio che, trovatisi a passare dalle parti di via Oberdan, hanno aiutato l’automobilista ad uscire dalla vettura. I pompieri si sono invece occupati della messa in sicurezza dell’auto, dicevamo alimentata a metano. Alla Polstrada il compito di ricostruire la dinamica del sinistro, un incidente che poteva avere conseguenze ben peggiori. Ma fortunatamente così non è stato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X