facebook twitter rss

Rinnovato il cda
della Sarnano Terzo Millennio,
Renzo Serrani presidente

SARNANO "Al nuovo cda l'amministrazione comunale rivolge i migliori auguri di buon lavoro, che dovrà essere finalizzato al consolidamento ed allo sviluppo delle attività delle nuove Terme di San Giacomo, ma che soprattutto dovrà condurre al completamento del percorso di privatizzazione della società, nella consapevolezza della importanza fondamentale del settore termale per la crescita economica del nostro territorio"
Print Friendly, PDF & Email

Da sin. Mauro Monaldi, Renzo Serrani e Giuseppe Mochi

Rinnovato il consiglio di amministrazione della Sarnano Terzo Millennio srl.
L’assemblea dei soci della Sarnano Terzo Millennio, la società proprietaria e gestore delle Terme di San Giacomo, partecipata all’87,29% dal Comune di Sarnano, nella seduta dell’11 ottobre ha provveduto alla nomina del nuovo consiglio di Amministrazione, che rimarrà in carica per il prossimo triennio.
Il nuovo cda è composto da Renzo Serrani, che assumerà la carica di presidente, e dai consiglieri Giuseppe Mochi e Mauro Monaldi.

“Un ringraziamento da parte dell’amministrazione comunale va al consiglio uscente, composto da Franco Pesci, da Costantino Lucarelli e da Luigi Rafaiani, in carica dal 2013 e che – spiegano dal Comune – ha dovuto affrontare il delicato periodo post sisma. La stretta sinergia operativa tra l’amministrazione comunale ed il cda uscente ha consentito di raggiungere l’importante risultato della delocalizzazione delle attività nei nuovi stabilimenti di via De Gasperi, implementando alla storica attività termale, anche quella del benessere e quella ricettiva.
Al nuovo cda l’amministrazione comunale rivolge i migliori auguri di buon lavoro, che dovrà essere finalizzato al consolidamento ed allo sviluppo delle attività delle nuove Terme di San Giacomo, ma che soprattutto dovrà condurre al completamento del percorso di privatizzazione della società, nella consapevolezza della importanza fondamentale del settore termale per la crescita economica del nostro territorio”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti