facebook twitter rss

Da “Malefica 2” al debutto sul grande schermo di “Downtown Abbey”: le uscite al Multiplex Super 8

FERMO - Attesa per Downtown Abbey, diretto da Michael Engler, è basato sulla popolarissima serie TV britannica, ambientata all’inizio del XX Secolo nello Yorkshire. Protagonista è ancora una volta la famiglia Crawley e la servitù che lavora per essa presso la splendida tenuta Downton Abbey nella campagna inglese
Print Friendly, PDF & Email

 

Settimana di nuove attesissime uscite al Multiplex Super 8 di Campiglione di Fermo, dal ritorno di Malefica ai salotti ingleesi di Downton Abbey. Ques’ultimo film, diretto da Michael Engler, è basato sulla popolarissima serie TV britannica, ambientata all’inizio del XX Secolo nello Yorkshire. Protagonista è ancora una volta la famiglia Crawley e la servitù che lavora per essa presso la splendida tenuta Downton Abbey nella campagna inglese. Siamo nel 1927 quando un evento sconvolge la quiete del gruppo aristocratico: il conte di Grantham, Robert Crawley (Hugh Bonneville), riceve una lettera direttamente da Buckingham Palace, nella quale viene comunicato che re Giorgio V e la sua famiglia reale faranno visita alla dimora. Questo vuol dire che i veri reali soggiorneranno da coloro che hanno sempre vissuto da reali. La notizia li getta nella confusione più totale e in breve tempo la tenuta viene popolata dal maggiordomo e da altri dipendenti del re, che si prodigano per far sì che tutto sia pronto per il grande arrivo. I Crawley si ritrovano impossibilitati ad agire, mentre Downton Abbey sembra aver subito una colonizzazione esterna da parte dell’arrogante personale reale, che umilia i domestici del palazzo. Lady Mary (Michelle Dockery) è convinta che il loro maggiordomo, Thomas Barrow (Robert James-Collier), non sia pronto ad affrontare un evento simile e chiede al signor Carson (Jim Carter), maggiordomo in pensione, di tornare temporaneamente ai suoi servigi per l’occasione. Anche Lady Violet (Maggie Smith) è preoccupata per la visita reale, che comporta l’arrivo di Lady Maud Bagshaw (Imelda Staunton), dama di compagnia della regina e cugina stretta di Robert, cosa che renderebbe il conte un perfetto erede della nobildonna. Ma i domestici di Downton non restano a guardare mentre il caos invade la dimora e sono decisi a “contrattaccare” per riprendere quello che un tempo era loro territorio. Nei sotterranei della tenuta, Anna (Joanne Froggatt) e John Bates (Brendan Coyle) escogitano un piano per riconquistare la famiglia e ripristinare l’onore di Downton, tutti sono d’accordo tranne il signor Carson. Riuscirà la servitù a cacciare gli invasori e accogliere al meglio re Giorgio V e la sua famiglia?

Se mi vuoi bene, il film diretto da Fausto Brizzi, segue la storia di Diego (Claudio Bisio), avvocato di successo con un gran talento nello scatenare accidentalmente catastrofi. Quando cade in depressione, dopo un tentativo di suicidio fallito, decide di combattere il suo malessere in un modo alternativo: aiutare le persone care intono a lui. L’idea gli viene in seguito all’incontro con Massimiliano (Sergio Rubini), che nel suo negozio di Chiacchiere vende ormai solo sagge parole, ed Edoardo (Flavio Insinna). Claudio vede subito nei due un valido aiuto per attuare il suo piano. Si passa quindi all’azione: le persone da aiutare sono la figlia, il fratello, la mamma, il papà, l’amica, l’ex moglie e una coppia di amici. Purtroppo gli esiti della sua missione, però, non sono positivi, anzi Diego finisce per devastare la vita a ognuno di loro, causando ancora più problemi. Sarà il suo nuovo amico Massimiliano a farlo riflettere e a fargli capire che per aggiustare le cose a volte basta semplicemente l’amore.

The Kill Team, il film diretto da Dan Krauss, racconta la storia di Adam Winfield (Nat Wolff), un giovane soldato americano inviato in Afghanistan con una squadra di commilitoni con l’obiettivo di intercettare le cellule terroristiche sul territorio. Il plotone è sotto la guida del sergente Deeks (Alexander Skarsgård), che sin dal primo momento inculca nella mente dei suoi sottoposti pensieri errati, spingendoli a uccidere, violentare e abusare della gente del posto senza un motivo preciso, se non per puro passatempo e proprio diletto. Il comandante trasforma i suoi uomini in brutali carnefici, tranne Adam, che intuisce sin da subito che il pensiero di supremazia di Deeks è errato. Questa visione disumana della guerra porterà il soldato a dover affrontare un duro dilemma morale: denunciare o no il comportamento del sergente?

The Informer, il film diretto da Andrea Di Stefano, vede protagonista Pete (Joel Kinnaman), un ex militare addetto alle operazioni speciali, congedato con onore. Costretto a usare violenza per difendere sua moglie (Ana de Armas), Pete viene arrestato e rinchiuso in prigione. Due agenti dell’FBI (Rosamund Pike e Clive Owen) però gli offrono la possibilità di una liberazione anticipata a condizione che diventi un loro informatore e che usi le sue abilità di ex militare per aiutarli a incastrare il più potente boss della criminalità newyorkese, The General. Quando però l’operazione per permettere la liberazione di Pete provoca la morte di un agente di polizia sotto copertura, l’uomo si ritrova in mezzo al fuoco incrociato tra criminali e FBI.

SCOPRI TUTTI I FILM E GLI ORARI DI PROGRAMMAZIONE AL MULTIPLEX SUPER 8 DI CAMPIGLIONE DI FERMO


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X