facebook twitter rss

Ex Gigli, Marcotulli promuove
un’assemblea: “Non si abbia
paura del confronto”

PORTO SANT'ELPIDIO - Mercoledì sera l'incontro alla Piccola, il capogruppo Fdi:"Ho invitato Sindaco e proprietà, spero partecipino in tanti, basta con questo silenzio assordante"
Print Friendly, PDF & Email

“Sull’ex Gigli è calato un silenzio assordante, facciamo chiarezza”. E’ il proposito del capogruppo di Fratelli d’Italia Giorgio Marcotulli, che ha promosso un’assemblea pubblica sulla questione dell’ex cineteatro in piazza Garibaldi, dopo la stima dell’Agenzia del demanio che ha abbassato la valutazione dell’immobile, rispetto alla somma che il Comune intendeva spendere per l’acquisto, di ben 440.000 euro.

L’appuntamento è per mercoledì 23 ottobre alla Piccola, nei pressi del parcheggio della stazione. Un’occasione di approfondimento per “fare il punto su una vicenda che nelle ultime settimane sta vivendo un epilogo molto difficile.
Sarà il momento di fare chiarezza sulle perizie che si sono succedute e quelli che sono stati i fatti – nota Marcotulli – Abbiamo invitato il Sindaco, l’amministrazione tutta e la proprietà, obbiettivo della serata è stimolare un’azione di trasparenza indispensabile per affrontare il futuro di un immobile che la città rivendica a gran voce da tempo.
Non cancelleremo le responsabilità di chi non ha saputo gestire questa operazione, ma allo stesso tempo non ci sottraeremo da un’azione responsabile e di buon senso. L’invito è per tutti i cittadini e per chi non teme la verità e il confronto”.

Nei giorni scorsi si è animato un dibattito acceso sull’ex Gigli. C’è chi, come il Laboratorio civico, ha chiesto le dimissioni del sindaco Nazareno Franchellucci, si sono avvertiti screzi anche tra i rappresentanti dell’opposizione, dopo la proposta di Marcotulli di valutare l’ipotesi di un affitto dell’immobile. Nel frattempo la proprietà della struttura sta studiando, anche con i propri legali, le possibili soluzioni, ma non appare propensa ad accettare una somma di 1,5 milioni di euro, cioè il valore ritenuto congruo dal demanio, rispetto ad 1.961.000 euro previsti nel preliminare di vendita.

“Credo che un’occasione di confronto, in questa fase così delicata, sia molto utile – conclude il consigliere Marcotulli – Mi auguro una ampia partecipazione, a partire dal sindaco Franchellucci, sarà un momento per chiarire tutte le tappe della vicenda e fornire alla cittadinanza le informazioni necessarie per capire meglio cosa stia accadendo. Trovo assordante il silenzio da parte dell’amministrazione comunale su un tema importante per la città. Io ho dato da subito la mia disponibilità a cercare una soluzione che, nell’interesse pubblico, conduca ad un esito positivo. Questo non significa cancellare le colpe e gli errori commessi dall’amministrazione su questa operazione, ma essere pronti a collaborare perchè la città esca dall’impasse”.

P.Pier.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti