fbpx
facebook twitter rss

Vitturini-Bisonni, scontro in Consiglio
La mozione “Cossetto”
non piace alla sinistra

PORTO SAN GIORGIO - Consiglio comunale al fulmicotone quello andato in scena ieri sera a Porto San Giorgio. Botta e risposta tra maggioranza ed opposizione sulla proposta di FdI di intitolare una via a Norma Cossetto, vittima delle foibe.
venerdì 8 Novembre 2019 - Ore 17:53
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi

Poco più di un’ora per liquidare il Consiglio comunale ieri sera. Approvati tutti i punti all’ordine del giorno. Botta e risposta invece tra maggioranza ed opposizione quando si è entrati nel merito della mozione presentata dai consiglieri di Fratelli d’Italia, finalizzata a richiedere l’intitolazione di una via a Norma Cossetto, medaglia d’oro al valore civile e vittima delle foibe. Era l’ultimo punto da discutere ma sui non era prevista alcuna votazione. Gli animi si sono subito riaccesi e puntuale è ritornata a galla l’annosa querelle su fascismo e antifascismo, su comunismo e foibe. A presentare la mozione è stata la consigliera Maria Lina Vitturini. Non si è fatta attendere però la dura replica di Renato Bisonni della lista Porto San Giorgio a Sinistra. “Esprimo la mia contrarietà -ha detto quest’ultimo- che non nasce dalla negazione delle violenze e delle uccisioni ai danni di persone di origine italiana ma dalla strumentalità di certe proposte avanzate dalla destra”.  Bisonni ha considerato “un atto politico la proposta di FdI e non una semplice richiesta toponomastica”. E politica è stata la sua presa di posizione di ferma contrarietà alla proposta. “Si tratta -ha aggiunto- di una lettura revisionista e rovescista della storia”. L’ex assessore ha quindi tentato di contestare, punto per punto, i presupposti su cui si basava la mozione, mettendo in discussione pure alcuni aspetti che hanno interessato la morte della giovane istriana uccisa dai partigiani di Tito. “Qui non è il fascismo sotto accusa ma la resistenza” ha rimarcato ancora Bisonni.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’intervento del capogruppo Dem, Andrea Di Virgilio. “La Cossetto è stata vittima di barbarie -ha detto- ma tutti i fatti storici vanno contestualizzati”. Poi il botta e risposta con il Consigliere civico di opposizione, Fabio Bragagnolo che aveva invitato “a volare alto” e lasciare da parte la politica delle contrapposizioni ideologiche. “Sono stati uccisi nelle foibe non solo i fascisti ma gli italiani prima di tutto”. A rintuzzare  la dose ci ha pensato Renzo Petrozzi della Lega. “Siamo tutti antifascisti ma non tutti sono anticomunisti”. Il sindaco Nicola Loira ha voluto commentare la proposta di FdI rimarcando che “in Italia manca una memoria condivisa su alcuni valori di fondo”. Ed ha puntato l’indice sulla motivazione della richiesta. “Non si capisce se è stata fatta perché la Cossetto era vittima di genere o vittima di partigiani slavi. Questo equivoco fa si che si tratti di una questione strumentale”.

Renzo Petrozzi e Maria Lina Vitturini

La Vitturini infine ha difeso la mozione criticando la ricostruzione dei fatti così come illustrata da Bisonni e ribadito che tra le due cose, riferendosi a quanto affermato dal sindaco, “non ci sono ambiguità. Non giustifico odio e violenza da nessuna parte. Nessuno qui è fascista. Ho presentato questa mozione perché una donna è stata oggetto di violenze e barbaramente uccisa. Donna che è stata insignita della medaglia d’oro al valore civile. Sono pronta a votare anche la proposta di intitolare una via a vittime dei fascisti purché donne”. Un modo per testimoniare il suo impegno sulle pari opportunità.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X