facebook twitter rss

Spese facili in Regione,
condannati 4 ex consiglieri
Assolto Francesco Acquaroli

SENTENZA - Il gup del tribunale di Ancona ha deciso pene che vanno da uno a due anni per gli imputati. L'onorevole di Fratelli d'Italia prosciolto con formula piena
Print Friendly, PDF & Email

 

Il tribunale di Ancona

 

Spese facili in Consiglio regionale: quattro ex consiglieri condannati in abbreviato, assolto il parlamentare di Potenza Picena Francesco Acquaroli. Le sentenze sono state decise oggi dal gup del tribunale di Ancona, Francesca De Palma. Il giudice ha condannato, limitatamente ad alcuni capi di imputazione (e dunque ad alcune delle spese contestate), Stefania Benatti (un anno con la confisca di 2.325 euro, ritenuti provento del reato compiuto). Condanna ad un anno anche per Adriana Mollaroli (limitatamente ad alcune spese contestate) e confisca di 826 euro.

Due anni invece per Lidio Rocchi, anche per lui limitatamente ad alcune spese, e confisca di 29mila euro circa, ritenuti provento del reato. Un anno e 8 mesi e confisca di 9.110 euro per Giovanni Zinni, per tutti i reati contestati. Assolto «perché il fatto non sussiste» il parlamentare dei Fratelli d’Italia Francesco Acquaroli. Inoltre Benatti, Mollaroli e Rocchi sono stati assolti dalle altre contestazioni, sempre «perché il fatto non sussiste». Queste le sentenze per le presunte spese facili in Consiglio regionale. Per tutti gli altri imputati (in tutto 55 ex consiglieri) c’è stato il rinvio a giudizio al 3 giugno 2020.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti