facebook twitter rss

Fermo Nuoto e Pallanuoto,
è iniziata la stagione

PALLANUOTO - Nel fine settimana alle spalle in acqua per la prima volta, relativamente ai tornei federali, i giovani delle formazioni under
Print Friendly, PDF & Email

 

FERMO – Battesimo dell’acqua sabato 9 con i ragazzi dell’under 15 di mister Andrea Mancini, che stravincono 12-5 contro i pari età di Moie. Partita mai in discussione, che ha visto gli atleti fermani dominare in lungo e in largo per tutta la partita. In acqua per i colori giallorossi sono scesi: Verdecchia, Fenni, Fortuna, Gentili (autore di 4 reti), Gargano, Fazi, Mercuri, Macerata, Magnani, Chimenti (8), Vallasciani, Romanelli, Niccià, Basili.

Mentre domenica l’under A riposava, l’under 13 B, sempre guidata da mister Mancini, ha perso 25-5 contro una irresistibile San Severino. In una partita a senso unico, disputata tra il clamore del tifo del pubblico di casa, Fermo, ospite, ha subìto la pressione psicologica degli avversari: per molti piccoli atleti, infatti, il match disputato era la prima partita in assoluto. A tutto ciò, la differenza di stazza e di età è stata l’ultimo fattore determinate, facendo pendere la bilancia a favore dei settempedani. Comunque soddisfatto, mister Mancini commenta “di aver visto molti elementi positivi per poter costruire una buona squadra e guardare fiducioso al futuro”. In questa sfida, si sono schierati: Fioravanti, Sileno, Ermini, Piccinini, Piattoni, Cerquozzi (autore di un gol), Bizzarri (1), Fiacconi (1), Pieroni (2), Bruni, Beltrami, Malaspina, Maizzi e Befacchia.

Domenica sera è stata poi la volta dell’under 17 di mister Andreozzi, che ha perso in casa 18-8 contro una bella e convincente Jesi, in una partita che vedeva i fermani schierare molti atleti più giovani e di categoria inferiore per completare i ranghi.

La squadra, così, non ha potuto nulla contro la più forte compagine ospite. Essendo la prima uscita stagionale della società, anche mister Andreozzi non si dispera alla prima stoccata: “Sono comunque soddisfatto, perché, nonostante la sconfitta, la squadra ha lottato fino alla fine, senza mollare pur nel divario ampio di punteggio che si era creato. L’aspetto psicologico è fondamentale perché, mentre il gioco e la tecnica si possono creare e affinare, la tempra o la si ha oppure no”. In acqua: Brandoni, Cerolini, Concetti, Fortuna, Fenni, Romanelli,Gentili (3),Vita, Santini (2),Chimenti (2), Novelli (1), Ferranti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti