facebook twitter rss

Vìola ripetutamente i domiciliari
ma non sfugge ai carabinieri:
per lui si aprono le porte del carcere

PORTO SANT'ELPIDIO - I controlli sono stati effettuati dai carabinieri della stazione cittadina guidati dal comandante Corrado Badini
Print Friendly, PDF & Email

Lo sorprendono più volte, nel corso dei loro quotidiani controlli, a violare i domiciliari. E alla fine per lui si aprono le porte del carcere. E’ il destino giudiziario per un uomo di origini tunisine al centro del provvedimento dell’autorità giudiziaria, scattato dopo le indicazioni e i riscontri dei carabinieri di Porto Sant’Elpidio.

“I militari dell’Arma della stazione di Porto Sant’Elpidio – i dettagli forniti dalla compagnia dei carabinieri di Fermo – dopo aver proceduti a quotidiani controlli di un pregiudicato di origini tunisine, sottoposto agli arresti domiciliare per spaccio di sostanza stupefacenti, lo hanno sorpreso più volte a violare  gli obblighi, imposti dall’autorità giudiziaria, della detenzione domiciliare. La Corte di Appello di Ancona, concordando con le risultanze dei militari dell’Arma di Porto Sant’Elpidio, guidati dal comandante Corrado Badini, hanno così sospeso il beneficio degli arresti domiciliari passando alla custodia in carcere. L’uomo è stato così trasportato alla casa circondariale di Fermo.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti