fbpx
facebook twitter rss

Da “Le Mans ’66, La Grande Sfida” a “Sono solo Fantasmi” tante nuove uscite al multiplex Super 8 di Campiglione

FERMO - Le Mans '66 - La Grande Sfida, film diretto da James Mangold, racconta la storica battaglia tra le case automobilistiche Ford e Ferrari per vincere la famosa gara endurance di auto sportive, nota come 24 Ore di Le Mans
Print Friendly, PDF & Email

 

Tante novità nella nuova settimana cinematografica al Multiplex Super 8 di Campiglione di Fermo. Si inizia con Ailo – Un’avventura tra i ghiacci, film diretto da Guillaume Maidatchevsky, racconta la storia di un cucciolo di renna, che intraprende un viaggio nella Lapponia finlandese, la Terra di Babbo Natale con la sua natura inalterata, il clima glaciale e paesaggi che sembrano usciti da una fiaba del Nord. È qui che vive Ailo, la piccola renna che la macchina da presa ha seguito per sedici mesi. Con il trascorrere delle quattro stagioni il film mostra come il cucciolo sia cresciuto in una continua lotta alla sopravvivenza, superando una sfida dopo l’altra. In questo primo anno di vita Ailo, da fragile e vulnerabile diventa una renna adulta in quell’avventura che è la vita tra i panorami innevati della Lapponia.

Le Mans ’66 – La Grande Sfida, film diretto da James Mangold, racconta la storica battaglia tra le case automobilistiche Ford e Ferrari per vincere la famosa gara endurance di auto sportive, nota come 24 Ore di Le Mans. Nel 1963 la Ford Motor Company contatta Enzo Ferrari (Remo Girone) per un possibile acquisto, ma l’italiano interrompe presto i rapporti, quando capisce che nell’accordo è incluso anche la Scuderia Ferrari. Enzo non è d’accordo, le sue auto, dopo la vittoria del 1958 alla 24 Ore di Le Mans, si aggiudicano il primo posto in ogni gara dal 1960 al 1965. Ma Henry Ford II (Tracy Letts) non perdona questo rifiuto e incinta il suo team, composto da ingegneri e designer, a costruire un’automobile più veloce e in grado di sconfiggere la Cavallino Rosso nella corsa del ’66. Da qui ha inizio la rivalità tra Ford e Ferrari. A capo della squadra di ingegneri incaricati di realizzare il prototipo c’è il visionario Carroll Shelby (Matt Damon), vincitore di La Mans nel 1959 e costretto da una patologia cardiaca ad abbandonare le corse. Reinventatosi designer e progettista, Shelby viene ingaggiato da Ford per portare qa compimento la sfida che ha lanciato con se stesso e con Ferrari. Il progettista ha anche l’uomo giusto per la nuova auto, il suo collaudatore Ken Miles (Christian Bale), un pilota inglese dal temperamento arrogante, ma dotato di gran talento. Insieme i due uomini combattono contro le interferenze dell’azienda per creare un modello che rivoluzioni le leggi della fisica e riesca a superare la Ferrari al Campionato mondiale del 1966. È così che, da una resa dei conti e una brama di vittoria, è nata la Ford GT40, ma a quale prezzo?

Pupazzi alla Riscossa – UglyDolls, il film diretto da Kelly Asbury, è un’avventura animata ambientata a Uglyville, un mondo fantastico e pieno di colori, in cui bizzarri pupazzi dall’aspetto mostruoso: Moxy, Mandy, UglyDog, Lucky Bate e Ox, si misurano con la loro diversità e il loro aspetto non proprio affascinante.
Moxy (voce italiana di Federica Carta), con il suo sorriso a tre denti, è una vera e propria forza della natura, vivace, curiosa e piena di energia. Mandy (voce italiana di Diletta Leotta), ha un segreto da nascondere e teme possa compromettere il suo desiderio di raggiungere la perfezione. UglyDog (voce italiana di Shade) è il migliore amico di Mandy, scaltro e simpaticissimo. Lucky Bat (voce italiana di Achille Lauro) è il pupazzo più saggio, putroppo i suoi consigli non funzionino mai come dovrebbero. OX (voce italiana di Elio) ha come unico desiderio quello di far sentire sempre amati e al sicuro i suoi amici pupazzi. Moxy e i suoi amici vivono ogni giorno in un vortice di felicità, lasciando volare le loro bizzarre ali in celebrazione della vita e delle sue infinite possibilità e di tanto in tanto guardando il cielo, da dove arriverà una nuova UglyDoll, accolta a braccia aperte dalla comunità. Moxy ama la sua vita quadrata nelle sua cittadina rotonda, ma la sua enorme curiosità la porta a chiedersi se c’è qualcosa dall’altra parte della montagna che racchiude Uglyville. Cosi’ un giorno riunisce i suoi più cari amici e parte per scoprire cosa c’è dall’altra parte della montagna che racchiude Uglyville. Scopriranno un nuovo mondo – Perfezione – una città in cui bambole più convenzionali vengono addestrate secondo certi protocolli prima di essere diplomate e inviate nel mondo “reale” dove troveranno l’amore di un bambino. A Perfezione, Molly e il suo gruppo subiranno le manipolazioni di Lou, la bambola perfetta incaricata di addestrare le reclute. Qui, Molly e i suoi amici si confronteranno con cosa significa essere diversi, lotteranno col loro desiderio di essere amate così come sono e alla fine scopriranno che non bisogna essere perfetti per essere fantastici perché quello che conta di più è chi sei veramente, ciò che è importante è come si è dentro e non come si è fuori.

Sono Solo Fantasmi, il film di Christian De Sica, è la storia di due fratellastri: un mago fallito, Thomas (De Sica) e di Carlo (Carlo Buccirosso), partenopeo e oppresso continuamente dalla moglie e dal padre, originari del Nord Italia. Quando muore il padre Vittorio, i due si rincontrano dopo molto tempo a Napoli. Qui scoprono che il genitore, giocatore d’azzardo e dongiovanni, ha avuto un terzo figlio di nome Ugo (Gian Marco Tognazzi), che a prima vista sembra un po’ stupido, ma che rivela essere un vero genio incompreso. Il padre ha lasciato loro anche molti debiti da sanare e non la tanto agognata eredità. Niente soldi da intascare, ma soldi da cacciare. È così che i fratelli decidono di accumulare denaro sfruttando le superstizioni napoletani e credulità del popolo, presentandosi come esperti “acchiappa fantasmi”. Questo nuovo lavoro inizia a rendere bene ai ghostbuster fino quando Carlo non viene posseduto dallo spirito di Vittorio e Thomas e Carlo iniianoa redere da quel momento che quei fantasmi, che avevano messo in dubbio, esistono davvero. Gli spettri catturati si liberano e, pronti alla vendetta, risvegliano il fantasma di una strega, decisa ad annientare l’intera città. Il trio di acchiappafantasmi insieme al padre dovranno cercare di fermare la strega e salvare Napoli.

Gli Uomini d’Oro, il film diretto da Vincenzo Alfieri, è ambientato nella Torino del 1996. Qui vive Luigi (Giampaolo Morelli), che sogna una pensione e di trascorrere il resto della sua vita in Costa Rica. Nel frattempo, però, continua a lavorare come impiegato postale e a dedicarsi a due delle sue più grandi passioni, il lusso sfrenato e le donne. Per realizzare il suo sogno e fare il turista per sempre, Luigi è pronto a tutto, anche lasciare l’affascinante Anna (Matilde Gioli). E a pensarci bene l’occasione ce l’ha proprio sotto gli occhi o, meglio, dietro le sue spalle. Tutti i giorni, infatti, Luigi guida un furgone portavalori, una tentazione che potrebbe trasformare qualsiasi uomo comune in un potenziale criminale. Con un piano a regola d’arte, la rapina riuscirebbe davvero in grande stile, senza feriti né altri rischi. Ma non può attuare il suo piano da solo, ha bisogno di mettere su una banda criminale. Ingaggia così un postino in pensione, il suo migliore amico Luciano (Giuseppe Ragone), quarantenne insoddisfatto, e il suo collega Alvise (Fabio De Luigi), sposato con Bruna (Susy Laude), impiegato insospettabile, legatissimo alla famiglia e con un’esistenza totalmente piatta. A loro si aggiungono altri personaggi esterni al mondo delle poste: sono Boutique (Gian Marco Tognazzi), couturier d’alta moda che dietro alle vetrine del fashion nasconde una doppia vita, e Il Lupo (Edoardo Leo), ex pugile nerboruto e di poche parole, compagno della seducente Gina (Mariel Gariga). Un colpo così grosso, però, fa gola a tutti e ognuno di loro desidererebbe avere quei soldi solo per sé, senza divide e condividere. È proprio la brama di denaro che trasforma questa impresa inizialmente semplice in un piccolo e al tempo stesso pericoloso gioco criminale.

SCOPRI TUTTI I FILM E GLI ORARI DI PROGRAMMAZIONE AL MULTIPLEX SUPER 8 DI CAMPIGLIONE DI FERMO


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X