fbpx
facebook twitter rss

Insegue la ladra e recupera la borsa
della moglie: una donna e il complice
incastrati dalla polizia

PORTO SANT'ELPIDIO - Una malvivente ha rubato la borsa di una donna sotto gli occhi del marito di quest'ultima che, però, l'ha inseguita. La ladra è scappata a bordo di un'auto guidata da un complice. Ma la polizia ha identificato i due fuggitivi, denunciandoli
Print Friendly, PDF & Email


La polizia della questura di Fermo ha individuata e denunciato una ladra di borse a Porto Sant’Elpidio. Nei guai anche il complice che l’aspettava in auto col motore acceso. E tutto parte da un furto a dir poco sfrontato, sotto gli occhi del marito della proprietaria della borsetta, uomo che però non ha mollato la presa recuperando il maltolto e costringendo la ladra e un complice alla fuga. Una latitanza durata ben poco grazie alla rapidità di indagine degli agenti della questura di Fermo. Ma andiamo per ordine.

Era quasi l’ora di pranzo del 14 novembre scorso, quando un uomo ha accompagnato la moglie all’ufficio postale per pagare delle bollette. Mentre lui aspettava la consorte in auto, dinanzi alla succursale, la donna è scesa dall’auto solo con i soldi necessari all’operazione, lasciando la borsa sul sedile del passeggero.
“Improvvisamente, dal marciapiede – la ricostruzione dell’accaduto fornita dalla questura di Fermo – è sopraggiunta una sconosciuta: vista la borsa, ha aperto repentinamente la porta della vettura, non curandosi minimamente della presenza dell’uomo all’interno, l’ha arraffata ed è scappata a piedi.
L’uomo, senza perdersi d’animo, dopo aver urlato, l’ha rincorsa vedendola salire su un’auto poco distante dove la aspettava un complice con il motore acceso.
Ha fatto in tempo a raggiungerla, riuscendo a impedirle di chiudere la portiera per fuggire. E così l’uomo si è ripreso la borsa della moglie da cui non mancava niente: la ladra non aveva fatto in tempo neppure ad aprirla. I due malviventi, a quel punto, sono fuggiti a tutto gas”. Con i malviventi in fuga, l’uomo si è subito rivolto alla polizia di Stato. E così i poliziotti si sono messi alla ricerca di quei due in fuga.
“Gli immediati accertamenti hanno permesso l’individuazione degli autori dell’episodio criminoso. I due – il felice epilogo della vicenda, riferito dalla questura – sono stati denunciati in stato di libertà all’autorità giudiziaria di Fermo. Non si dimentichino i consigli della polizia di Stato sulle condotte da evitare per prevenire la consumazione di reati predatori, tra i quali, in questa circostanza, quello di evitare di lasciare la propria borsa in vista sul sedile dell’auto”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X