facebook twitter rss

Misericordia, valori senza tempo:
140 anni di carità e fratellanza
“Mai dimenticare l’umanità” (Le Foto)

MONTEGIORGIO - Oggi giornata clou della tre gironi di eventi organizzati dalla Misericordia Montegiorgio per i suoi 140 anni. Dalla tradizione al futuro, la confraternita tra passato glorioso e nuove sfide
Print Friendly, PDF & Email

Una ricorrenza? No, molto di più, un anniversario che segna, verrebbe da dire, una data che non è altro che un tassello su un cammino secolare fatto di solidarietà, di altruismo, di dedizione, di spirito di servizio, di carità, di soccorrere il prossimo. Portato a spalla, come avveniva ieri e come era facile immaginare osservando l’esposizione del vestiario e delle attrezzature di un tempo, o con le moderne ambulanze, come accade oggi. E tutto ciò rischia di essere anche riduttivo rispetto ai 140 anni di Misericordia Montegiorgio che oggi il sodalizio presieduto da Paolo Tartufoli ha celebrato alla presenza delle più alte cariche religiose e istituzionali del Fermano, con in testa l’arcivescovo di Fermo, monsignor Rocco Pennacchio, e il prefetto Vincenza Filippi, il sindaco di Montegiorgio, Michele Ortenzi e le Misericordie di tutta Italia. Presenti anche l’assessore regionale Fabrizio Cesetti e diversi sindaci del comprensorio.

Oggi infatti data clou della tre giorni di festeggiamenti per la confraternita di Montegiorgio. I tre giorni di festeggiamenti si sono aperti con un’assemblea ordinaria degli iscritti nella sede sociale di Montegiorgio per discutere sulle modifiche e l’adeguamento dello statuto in relazione alla legge sul terzo settore, w sulla celebrazione, appunto, dei 140 anni dalla fondazione.

Ieri, alle 21, al teatro Alaleona parentesi artistico-musicale con la Compagnia dei Frolli esibitasi in un’eccezionale e applauditissimo ‘Notre Dame de Paris”. E così si arriva ad oggi, con l’arcivescovo di Fermo, monsignor Rocco Pennacchio, accompagnato dal presidente nazionale Misericordia, Roberto Trucchi, e il Correttore nazionale, monsignor Franco Agostinelli, della Confederazione nazionale delle Misericordie d’Italia a presidiare la cerimonia solenne . Ritrovo alle 9,15 dei confratelli, dei volontari, degli iscritti delle confraternite e associazioni invitate, e dei cittadini in piazzale Kennedy, nei locali parrocchiali. Alle 9,30 tutti alla sala CineManzoni per l’incontro con il presidente Trucchi e il Correttore Agostinelli per dibattere sul tema ‘L’oggi della Misericordia: quale futuro?”. Alle 10,45 formazione del corteo che si è poi snodato per le principali vie di Montegiorgio per ritrovarsi, poi, attraverso la piazza principale, in chiesa. Il corteo è stato accompagnato dalla banda cittadina ‘Alaleona’.

Alle 11,15 celebrazione della santa messa nella collegiata dei santissimi Giovanni e Benedetto, dove si è tenuta anche la vestizione dei nuovi confratelli. E alle 13 pranzo sociale. Al contempo concorso fotografico ‘140 anni di Misericordia’, la mostra storica della Misericordia Montegiorgio allestita nella chiesa di San Michele, e la lotteria a premi finalizzata al sostentamento delle iniziative istituzionali della Misericordia.

Nel corso delle celebrazioni sono state consegnate ai presenti anche delle pergamete e una litografia realizzata dalla pittrice Calisti. Significative le parole del presidente nazionale Misericordie che ha rimarcato  come il futuro della confraternita vad ricercato nei valori che: “Ci hanno distinto da 800 anni a questa parte, nel donare il nostro cuore nelle opere di carità e fratellanza per le persone bisognose. Bene i tempi moderni, bene la rete informativa ma non dimentichiamo mai l’umanità”.

C.N.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti