facebook twitter rss

Morto a 52 anni Massimo Ruscitti,
ex calciatore della Fermana

LUTTO - Terzino sinistro, aveva militato con i canarini nel 1994/95 in C2 collezionando 17 presenze e 2 gol. Da alcuni anni soffriva di una malattia degenerativa.
Print Friendly, PDF & Email

Massimo Ruscitti a destra nella foto, insieme a Mauro Buratti (al centro) e all’allenatore Bruno Nobili, con la Fermana nel 1994/95

 

AVEZZANO (AQ) – Si apprende la notizia dal sito web della società Avezzano Calcio e dalle testate abruzzesi.

Massimo Ruscitti, classe 1967, aveva militato con la squadra gialloblù nella stagione 1994/95 (serie C2), lo aveva voluto l’allenatore Bruno Nobili che lo aveva allenato ad Avezzano nove anni prima, e con il quale aveva vinto la Coppa Italia nel 1986.

Con i canarini ha collezionato 17 presenze e 2 gol (siglati entrambi in trasferta, a Rimini e a Montevarchi). Ruscitti era terzino sinistro, divideva le corse sulla fascia sinistra con Fabio Di Venanzio, per entrambi fu il primo anno a Fermo, mentre Ruscitti poi andò via subito, Di Venanzio è rimasto molto a lungo, fino alla serie B.

Avezzanese, Ruscitti aveva compiuto 52 anni lo scorso gennaio, da tempo soffriva di una patologia degenerativa che inizialmente gli impediva solo di camminare ma che è progredita sempre di più fino a portarlo alla morte; ha trascorso gli ultimi anni della sua esistenza nella Rsa (Residenza sanitaria assistenziale) dell’Istituto Don Orione di Avezzano, dove si è spento ieri mattina e dopo aver vissuto la propria malattia nella piena consapevolezza.

I primi calci di Massimo con l’Avezzano, poi Francavilla a Mare (all’epoca ai vertici della C1), quindi Fano, Siracusa, Vigor Lamezia, Potenza, Fermana e Marsala, sempre tra C1 e C2.
I funerali si terranno domani mattina, alle 11, nella chiesa della Madonna del Suffragio dell’Istituto Don Orione in via Corradini ad Avezzano.

Condoglianze ai familiari dalla redazione di Cronache Fermane.

P. B.

 

Un’immagine recente di Massimo Ruscitti, diffusa dal quotidiano abruzzese Il Centro

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti