fbpx
facebook twitter rss

‘Traces’, l’identità
secondo il pittore
Giuseppe Rinaldo Basili
in mostra a Petritoli

PETRITOLI - Il 30 novembre ore 18 verrà inaugurata a Petritoli, in largo Tre Archi 17 la personale dell'artista. Aperta e visitabile fino al 12 gennaio
Print Friendly, PDF & Email

Sabato 30 novembre 2019 ore 18 verrà inaugurata a Petritoli, in largo Tre Archi 17 la personale di Giuseppe Rinaldo Basili, dal titolo ‘Traces’.

“La mostra – spiegano dall’organizzazione dell’evento – resterà visibile dal 30 novembre al 12 gennaio. L’artista attraverso le sue opere propone un concetto rivolto all’identità, che se fino ad ora era stato rappresentato in una sua austerità formale dai vari elementi come i petali, le gocce, o il mare, ora nelle nuove opere l’identità ha fuso i propri confini creando altre sfumature, nuove tonalità e cromie, nuove ombre, altre immagini, vaghi paesaggi visibili e percepibili anche per la mente. Il concetto di identità individuale si è dunque unito a quello di una identità relazionale, in un necessario interscambio, sempre più urgente. Tale movimento, la rottura e poi l’uscita dal proprio confine-segno-forma, ha quindi determinato qualcosa di nuovo, di inedito. Smuovere rappresenta per l’artista un passo successivo rispetto al limite prima svelato, facendo porre lo sguardo dell’osservatore verso qualcosa di diverso che si è modificato, evoluto. In ‘Traces’ ci si trova difronte ad un nuovo percorso, arte intesa come esplorazione di senso, dove si assiste alla espansione della materia con i colori, creando una dimensione estremamente personale in altri spazi, dove vengono proposti elementi che tracciano una frontiera sconosciuta rispetto ai precedenti lavori, che inequivocabilmente rappresenta una ricchezza per l’osservatore, il quale viene a trovarsi dinanzi a magnifiche opere universali”.

Su ‘Traces’, Gianni Marcantoni scrive: “L’arte deve proporre sempre qualcosa, mediante la ricerca di un linguaggio personale, distinto da ciò che è il linguaggio comune che appartiene quindi ad un’altra sfera, a quella semplicemente della normale comunicazione sia visiva che verbale. Da questo principio viene proposto un concetto attraverso la lente, o il filtro, dell’arte che si rivolge all’identità; in un contesto ben preciso, ossia in quello dello spazio.
Noi innanzitutto siamo elementi. Chi ci può osservare come gocce, chi come petali, siamo pur sempre elementi collocati in uno spazio ad una determinata velocità, ma il contesto temporale in cui ci troviamo ad essere inseriti, non importa.
La fase del passaggio dalla identità individuale austeramente inquadrata (come in Spaces) a quella “relazionale” dissolta (come qui in Traces) è estremamente corretta, direi anzi obbligatoria, necessaria, poiché prima siamo individui, ma poi siamo anche individui dentro una realtà costituita da relazioni che viene imbastita con tutte le realtà che troviamo intorno. Il concetto di identità è fondamentale per potersi successivamente porre nello spazio relazionale del mondo circostante, all’interno del contesto a noi dato.


Ma oserei considerare che questa primaria identità non dovrebbe mai costituire un ostacolo, o limite, alla possibilità stessa di entrare in rapporto con gli altri.
Se questa dovesse costituire un limite, allora credo si dovrebbe parlare di privazione per l’essere di avere l’opportunità di crescere, di maturare ed arricchirsi, mentre se invece una costituita identità ci permettesse di cogliere a pieno le identità altrui in un rapporto di interscambio, ci si aprirebbe dunque alla possibilità di incrementare nettamente il proprio valore umano, potenzialmente presente in ognuno.
Occorre essere in grado di vedere e di percepire tutto quello che è intorno, avere una soggettività tale da capire ciò che rappresenta un valore, da ciò che piuttosto rappresenta un disvalore, da cui prendere le dovute distanze. È importante che l’uomo sviluppi in sé, con il mezzo dell’arte come in questo caso, uno spirito critico, una capacità di interrogarsi, di elaborare una propria visione del mondo.
Solo partendo da queste basi possiamo porci in maniera consapevole nella relazione con altro. Da qui vediamo nelle nuove opere che i colori si sono fusi, che hanno creato altre sfumature, nuove tonalità e cromie, nuove ombre, altre immagini, vaghi paesaggi visibili e percepibili anche per la mente.
Il movimento, la rottura e poi l’uscita dal proprio confine-segno-forma, questo passaggio ha dunque determinato qualcosa di nuovo, di inedito. Smuovere rappresenta perciò un passo successivo al limite prima svelato, facendo porre lo sguardo dell’osservatore su qualcosa di
diverso che si è modificato, evoluto.
Il giudizio sul risultato, se migliore o peggiore, a questo punto non credo interessi più, poiché è bastato avere sviluppato e raggiunto un concetto successivo, di novità rispetto al già conosciuto e rappresentato.
Pasternak ci dice che “bisogna essere di un’irrimediabile nullità per sostenere un solo ruolo nella vita, per occupare un solo ruolo nella vita, per occupare un solo e medesimo posto nella società, per significare sempre la stessa cosa”.
Quindi anche l’arte non può perennemente esprimere e significare sempre e soltanto lo stesso concetto, seppure proposto in tutte le sue possibili varianti, ma deve presentare una ricerca intesa come evoluzione del proprio messaggio.
In ‘Traces’ ci si trova infatti difronte ad un nuovo risultato, arte intesa come esplorazione di senso, dove si assiste alla espansione della materia con i colori creando una dimensione estremamente personale in altri spazi, dove vengono proposti elementi che tracciano una frontiera sconosciuta rispetto ai precedenti significati, che inequivocabilmente rappresenta una ricchezza per l’osservatore, il quale viene a trovarsi dinanzi ad opere universali”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X