fbpx
facebook twitter rss

Addio a Bruno Gazzani,
il liutaio di Montegranaro

MONTEGRANARO - Il noto e stimato creatore di violini si è spento all'età di 87 anni. Il ricordo di Gianfranco Mancini
Print Friendly, PDF & Email

(foto Gianfranco Mancini)

Montegranaro dice addio, nel cordoglio, a Bruno Gazzani, noto e stimato liutaio spentosi all’età di 87 anni. La sua bravura è tutta nelle parole, nel ricordo, del fotografo Gianfranco Mancini: “Pagina triste. Questa mattina ho appreso una notizia che uno non vorrebbe mai sentire, come se la vita terrena fosse eterna e non effimera.
La scomparsa di un grandissimo amico anche se, un decennio di età ci separava. Bruno Gazzani, il bravissimo liutaio di Montegranaro. Da anni abitava proprio al confine fra Montegranaro e Sant’Elpidio a Mare.

(foto Gianfranco Mancini)

Con Bruno nell’arco degli anni – scrive su Facebook Mancini – ci sono stati momenti di condivisioni nella vita, fin da quando negli anni sessanta andavamo insieme a mio fratello Gottardo e altri amici a sciare a Bolognola e Sassotetto, poi durante il lavoro essendo stato un bravissimo modellista di calzature, ma era sempre alla ricerca di altro. Amante della musica voleva nonostante l’età avanzata imparare a suonare il violino, ma visto alcune difficoltà pratiche, si mise in testa di costruirli i violini e infatti dopo incontri e lezioni di maestri liutai, lui stesso lo diventò costruendo bellissimi violini. Spero che la famiglia, sia disponibile un giorno a mettere in mostra i suoi violini, per ricordarlo. Sono sicuro che, l’intera comunità veregrense saprà farne tesoro. Potrei continuare a parlare di Bruno fra storie e aneddoti e lo farò; mi prometto di fare una pubblicazione e ricordare i momenti passati nel suo piccolo laboratorio mentre mi mostrava il suoi violini finiti e in fase di lavorazione, Bruno era molto meticoloso, mi diceva sempre ‘il violino ha la forma di un corpo di una donna e va plasmato con cura e amore‘.

(foto Gianfranco Mancini)

Poi vederlo con gli occhi lucidi, quando andavamo a trovarlo con la violinista Serena Cavalletti; Bruno si sentiva in un altro pianeta, sentire il suono ancora giovane dei suoi violini, mentre Serena Cavalleti li suonava per provarli.
Un grande abbraccio Bruno, sei andato nel mondo dei misteri. Se dopo la morte esiste altro, ti ritroverai con altri amici cari conosciuti in vita. Mentre la tua anima rimarrà fra le persone amate”.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X