fbpx
facebook twitter rss

Spiagge libere accessibili
ai disabili: il progetto di Fermo
ammesso a finanziamento

FERMO - “Regione che premia e finanzia un piccolo progetto del Comune di accessibilità alla spiaggia per i disabili giudicandolo come secondo nelle intere Marche” – le parole del Sindaco Paolo Calcinaro che lo ha sempre ritenuto un passo di civiltà e un segno di accortezza.
Print Friendly, PDF & Email

Approvato e finanziato. L’adesione del progetto della Giunta ad un bando regionale per la concessione di contributi per la realizzazione di interventi volti a favorire l’accesso delle persone con disabilità alle aree demaniali regionali destinate alla balneazione con un progetto ad hoc ha avuto il via libera dalla Regione Marche. In questi giorni è infatti giunta notizia dell’ammissione a finanziamento (12 mila euro) con la pubblicazione in graduatoria.

In particolare il progetto, presentato dal Comune di Fermo, riguarda la realizzazione di percorsi sia tattili per non vedenti che passerelle fino alla battigia, in grado di poter agevolare l’accesso, in special modo nelle spiagge di Casabianca e di Lido di Fermo (zona anfiteatro), già dotate di servizi per disabili come bagni e docce, realizzati dall’Amministrazione Comunale nel 2017.

“Regione che premia e finanzia un piccolo progetto del Comune di accessibilità alla spiaggia per i disabili giudicandolo come secondo nelle intere Marche” – le parole del Sindaco Paolo Calcinaro che lo ha sempre ritenuto un passo di civiltà e un segno di accortezza.

Un progetto che si inserisce nelle azioni già svolte, come bagni, docce e passerelle – come ricordato anche in altre occasioni dagli assessori Ingrid Luciani e Alessandro Ciarrocchi – in tema di accessibilità agli spazi pubblici nell’ottica dell’abbattimento delle barriere architettoniche anche nella stagione balneare, conformando e implementando in questo modo il litorale agli standard moderni di accessibilità e di comfort per tutti.

Un’azione che si somma a quanto fatto fino ad ora dall’Amministrazione Comunale, comunque, in fatto di abbattimento di barriere architettoniche, come tutti quei percorsi, ricordati più volte dall’assessore Mirco Giampieri, che includono servizi e interventi a beneficio di chi ha una disabilità, vedi ad esempio al centro diurno Montessori, nei centri socio educativi riabilitativi, nei servizi di integrazione, educativi e di trasporto, al Teatro dell’Aquila e con le borse lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X