facebook twitter rss

L’arte contemporanea “affiora”
nell’ex chiesa Ognissanti
Savelli ascensori alza il velo alla mostra
del duo Ornaghi-Prestinari

FERMO - Sabato 7 dicembre, alle ore 18, nell’ex chiesa Ognissanti sarà inaugurata l’interessante mostra a cura di Matilde Galletti, aperta sotto le festività fino al 7 gennaio 2020
Print Friendly, PDF & Email

L’arte contemporanea e la valorizzazione dei luoghi storici della città sono il nodo nel progetto ‘Affiorare’ tra la ditta di impianti di elevazione e ascensori Savelli e il duo artistico Ornaghi-Prestinari. Sabato 7 dicembre, alle ore 18, nell’ex chiesa Ognissanti di Fermo sarà inaugurata l’interessante mostra a cura di Matilde Galletti, aperta sotto le festività fino al 7 gennaio 2020.

Savelli si è fatta promotrice e ha accompagnato gli artisti nella realizzazione dell’opera Affiorare, mettendo a disposizione spazi, materiali e il know how degli esperti che lavorano all’interno di essa. Attraverso una serie d’incontri e scambi, gli artisti sono riusciti a individuare un aspetto specifico dell’anima della Savelli e hanno voluto tradurlo in immagine poetica. L’azienda si è aperta a un tentativo di introdurre le pratiche dell’arte contemporanea nei propri spazi di lavoro. Con un risultato sorprendente: l’appassionarsi dei tecnici esperti a un progetto che viene sentito come intimamente legato al lavoro che quotidianamente svolgono in azienda e la sorpresa di scoprire che l’arte contemporanea non è così distante. Per far ciò la Savelli ha scelto un duo artistico giovane ma con già un importante riconoscimento all’interno del sistema dell’arte: Ornaghi&Prestinari, tra le altre cose, hanno tenuto una mostra personale a New York presso la  New York University, a Casa Italiana Zerilli nel 2016 e a Casa Morandi a Bologna nel 2017. Hanno anche presentato la scultura pubblica Filemone e Bauci per il nuovo parco ArtLine di CityLife a Milano, andando ad arricchire il parco di sculture accanto agli edifici di Zaha Hadid e Daniel Libeskind.

La storia del luogo, la chiesa Ognissanti, è poco conosciuta: grazie al contributo di Savelli è stato possibile riscoprire questo luogo e si è potuto cominciare ad intraprendere le prime indagini storiche, svolte da Lidia Martorana e ancora in corso. L’azienda ha fatto centro, come sempre, e continua a dimostrarsi in prima fila nelle attività a favore della valorizzazione del territorio e dei propri dipendenti.

L’organizzazione della mostra è affidata all’associazione Lagrù. L’ingresso è libero e su prenotazione (tel. 340.4132787).


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X