fbpx
Jessica Marcozzi Spazio pubblicitario elettorale
facebook twitter rss

Sangue e terrore al bar Blasco:
rissa e accoltellati,
devastato il locale (Le Foto)

PORTO SANT'ELPIDIO - Intorno alle 22 una decina di uomini ha fatto irruzione nel locale. Lì è scoppiato il finimondo. Ci sono anche delle persone accoltellate. Sangue e devastazione dappertutto
Print Friendly, PDF & Email

di Giorgio Fedeli

Uno scenario di guerra quello che si è parato davanti alla polizia e ai carabinieri questa sera intorno alle 22 al bar Blasco, via Faleria, zona sud di Porto Sant’Elpidio. Un locale completamente devastato, scie di sangue e coltelli dappertutto, vetri in frantumi, vetrine danneggiate, estintori, sgabelli e sedie scaraventati ovunque.

Pochi minuti prima, infatti, una decina di uomini ha fatto irruzione nel pubblico esercizio. E lì è scoppiato il finimondo. Con un bollettino di guerra consumatosi in pochi minuti: tre persone sono state ferite con armi da taglio, presumibilmente dei coltelli. E infatti nel bar e subito fuori dall’attività sono stati abbandonati proprio alcuni coltelli.

“Io mi vergogno dell’Italia, dell’essere italiano. Perché? Semplicemente perché chi ha fatto tutto ciò non è italiano. E noi dobbiamo subire. Quando ho visto che la situazione stava degenerando sono scappato fuori dal bar – racconta il titolare, Lello Agresti – all’interno è rimasto un cliente che si è chiuso dentro una stanza”. Poi è partito l’sos alle forze dell’ordine. E a quel punto quei devastatori, quei criminali, sono svaniti nel nulla. O meglio, due di loro sono stati soccorsi dai sanitari della Croce verde di Porto Sant’Elpidio e accompagnati all’ospedale per delle ferite da taglio. Non sarebbero in gravi condizioni. Intanto la polizia, arrivata sul posto con le Volanti e la Scientifica, nel raccogliere ogni elemento utile alle indagini, ha subito avviato le ricerche, con l’ausilio dei carabinieri, per dare un nome e un volto ai criminali. E per capire cosa abbia mosso la mano violenta di quegli uomini. Al momento gli inquirenti non possono escludere alcuna ipotesi.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X