facebook twitter rss

LA RECENSIONE – Un delizioso giallo in sintonia con le preoccupazioni del mondo moderno: Cena con delitto – Knives Out

RECENSIONE - La trama del film è volutamente e piacevolmente serpentina, quel tanto che necessita di essere seguita ma non troppo da essere eccessivamente cervellotica
Print Friendly, PDF & Email

 

 

di Eraldo Di Stefano

Scritto e diretto da Rian Johnson (regista e sceneggiatore di “Star Wars: Gli ultimi Jedi”, tra gli altri), questo giallo deduttivo si presenta con un cast formidabile: Daniel Craig, Chris Evans, Ana de Armas, Jamie Lee Curtis, Toni Collette… e potrei continuare ancora per un po’.

Gli addetti al marketing amano pensare che il grande pubblico abbia sempre fame di qualcosa di nuovo. Questo meraviglioso film dall’intreccio coinvolgente è la prova che alcune storie, per quanto possano sembrare già viste e già sentite, non hanno tempo e non invecchiano mai. Una trama moderna, sullo stile dei racconti di Agatha Christie, che però Johnson ha fatto suo, adattandola al mondo moderno offrendo una fotografia studiata e dei riferimenti a problematiche attuali e più vicine al nostro tempo.

Un gruppo di membri di una famiglia insieme agli associati alla stessa si riuniscono in una vecchia casa di campagna dopo la morte del ricco patriarca in circostanze misteriose. Sembrerebbero voler scoprire chi è il responsabile della prematura scomparsa della persona cara, ma lasciano intendere che invece sono più interessati a quanto possono ricavare da questa disgrazia.

La trama del film è volutamente e piacevolmente serpentina, quel tanto che necessita di essere seguita ma non troppo da essere eccessivamente cervellotica. I personaggi sono ben definiti e caratteristici, e si scontrano tra loro nell’evolversi della storia anche quando fingono di stare dalla stessa parte. L’inganno, l’avidità, il ricatto e un generale senso di leggera malinconia sono gli ingredienti principali che guidano tutto il racconto.

Per quanto divertente sia “Cena con delitto – Knives out”, c’è molta increspatura sotto la superficie. Nonostante l’astuzia intelligente della regia, il film è molto semplice su una cosa: mostra il massimo rispetto per la scienza e per le persone che sanno cosa stanno facendo. La competenza e il buon senso sono vincenti, contrapponendosi alla poco capacità e alla crudeltà. Ma visto sotto quest’ottica, purtroppo talvolta, questo film non è solo un piacevole diversivo, ma una visione utopica della nostra realtà.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X