fbpx
facebook twitter rss

IL FUTURO DEL TERRITORIO
Nuova soprintendenza, Cesetti:
“La sede non può che essere ubicata a Fermo”

SOPRINTENDENZA FERMO/ASCOLI/MACERATA -  L'assessore regionale al bilancio Fabrizio Cesetti: "Mi attendo dal Ministro un atto di giustizia nell’interesse di tutte le Marche Sud”
Print Friendly, PDF & Email

“Quando nei territori si vuole insediare un importante e strategico ufficio come la Soprintendenza, con conseguenti servizi erogati, non è per appendere una ‘medaglia’ sul petto di qualche politico, ma per realizzare la piena affermazione dei diritti dei cittadini e dei territori. La sede della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Ascoli, Fermo e Macerata non può che essere ubicata nella Città di Fermo geograficamente baricentrica nella più vasta aggregazione di “Marche Sud” e custode di uno straordinario patrimonio di opere d’arte, monumenti, storia e cultura millenaria. E questo, si converrà, nell’interesse dei cittadini e degli enti tutti interessati delle Marche del Sud che potrebbero agevolmente raggiungerla. Altrimenti, sarebbe senz’altro meglio restare con la sola sede di Ancona.”. Così l’assessore regionale Fabrizio Cesetti dopo la notizia dell’istituzione del nuovo importante punto di riferimento ministeriale per il Sud delle Marche.

“Non si tratta assolutamente di una rivendicazione campanilistica – spiega Cesetti –  e infatti non ho mai esitato anche nel corso della riforma delle Camere di Commercio a sostenere convintamente che la dimensione doveva essere regionale o provinciale. Se vi devono essere ‘terre di mezzo’devono stare nel mezzo, sempre nell’ interesse dei cittadini tutti che devono esercitare i loro diritti nel modo più agevole possibile. E se è stato necessario, nell’interesse dei cittadini, che gli Uffici della ricostruzione fossero ad Ascoli Piceno e a Macerata in quanto realtà più colpite dal sisma, non potrà anche sfuggire l’oggettiva baricentricità di Fermo rispetto ai territori del cratere. Per la Soprintendenza, quindi, mi attendo dal Ministro un atto di giustizia nell’interesse di tutte le Marche Sud. E la Città di Fermo avrà cura di mettere a disposizione la sede adeguata e tutti i servizi ad essa riconducibili. Fermo, infatti, dispone di palazzi storici, completamente ristrutturati, che possono essere messi a disposizione per dare alla nuova Istituzione una sede prestigiosa e funzionante”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X