facebook twitter rss

Anche la Regione alla Festa
annuale del ciclismo marchigiano

CICLISMO - Il presidente della giunta regionale, Luca Ceriscioli, all'appuntamento 2019 con i vertici ed i protagonisti delle due ruote locali: “Sport veicolo promozionale del territorio”. Renato Di Rocco, presidente nazionale della Federazione: “Territorio bellissimo, bici grande opportunità turistica”. Gioia Bartali: “Mio nonno Gino esempio per i giovani”
Print Friendly, PDF & Email

 

ANCONA – Non poteva mancare, la Regione Marche, alla festa annuale del ciclismo marchigiano, con le premiazioni dei migliori atleti che si sono distinti nelle competizioni dell’annata.

Un appuntamento, quest’anno, impreziosito dalla presenza di Gioia Bartali, nipote di Gino: grande atleta e “Giusto tra le nazioni” per aver salvato 800 ebrei, perseguitati, a Firenze, tra il 1943 e il 1944.

Non poteva mancare, come ha sottolineato il presidente Luca Ceriscioli, presente insieme all’assessore Manuela Bora, “perché abbia puntato sulle due ruote come veicolo promozionale del territorio”. Una scelta sottolineata da Renato Di Rocco (presidente della Federazione ciclistica italiana) che si è dichiarato “felice che in occasione della presentazione della Tirreno Adriatico il presidente Ceriscioli abbia indicato la bicicletta come cluster per raccontare, in maniera differente, il territorio. Credo che questa sia una regione bellissima, con peculiarità culturali, paesaggistiche e artistiche invidiabili. La bici può rappresentare un’opportunità di grande sviluppo promozionale e turistico per tutte le Marche”.

Il presidente Ceriscioli ha detto che “è stato un anno speciale perché abbiamo individuato Vincenzo Nibali come testimonial della nostra regione. Abbiamo identificato le due ruote come elemento che unifica il nostro territorio. Le Marche sono plurali per definizione, è molto difficile trovare qualcosa che tenga tutti uniti. Lo riesce a fare la bicicletta”.

Luca Ceriscioli e Lino Secchi

Una scelta non solo promozionale, ma basata anche su investimenti nelle ciclovie: “Puntiamo a creare una rete ciclabile regionale di 250 chilometri con oltre 50 milioni di euro. Lo facciamo credendo nello sport, investendo nello sport, associando la nostra immagine alle competizioni sportive ciclistiche più importanti. La Tirreno Adriatico, da questo punto di vista, per noi è un veicolo che ci permette di andare in tutto il mondo e che quest’anno vedrà la partecipazione di Nibali. Tutto quello che ruota attorno alla bicicletta ci interessa per costruire l’idea di una regione vivibile. Le due ruote rappresentano questo: uno sport straordinario, fatto di impegno e sacrificio, di grande popolarità e, nello stesso tempo, una dimensione umana di mobilità dolce, di rispetto per l’ambiente, di sguardo al futuro, oltre che un segmento turistico in grande crescita”.

Nel corso della cerimonia Gioia Bartali (foto in primo piano) è stata premiata “per il lodevole impegno nel divulgare il ricordo, soprattutto tra i giovani, delle grandissime imprese ciclistiche del nonno Gino e le altrettante grandi e rischiose azioni finalizzate a salvare gli ebrei che gli hanno assegnato il meritato riconoscimento di Giusto tra le Nazioni”. La memoria del nonno, ha detto Gioia, “è un esempio per i giovani di oggi sotto tanti punti di vista, sportivi e umani. È importante conoscere la storia, ma è importante anche saper attingere da essa. Oggi le parole antisemitismo e integrazione sono di assolutissima attualità. Raccontare la storia di Gino Bartali permette ai giovani di avere un esempio di grande valore a cui fare riferimento”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X